Fca, allarme di Camusso (Cgil): Magneti Marelli a rischio

351
in foto Susanna Camusso

Il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, esprime “preoccupazione” sulle prospettive di Magneti Marelli e chiede l’intervento della Cassa depositi e prestiti. “Vogliamo sottoporre il tema della salvaguardia di Magneti Marelli e, negli investimenti strategici che Cdp può decidere, consideriamo la componentistica un settore importante dove guardare”, dichiara Camusso in una conferenza stampa. “Da quello che si è capito, la scelta del gruppo Fca su Magneti Marelli è quella di fare una nuova società per scissione”, afferma Camusso spiegando che “questo lascia intatte tutte le preoccupazioni sulla prospettiva dell’azienda”. “Queste preoccupazioni – aggiunge il segretario della Cgil – crescono ancor di più se, come leggiamo, Marelli viene caricata di una parte ulteriore di debiti per attuare il programma Fiat di debiti zero”. Magneti Marelli, per Camusso, è “un’importante azienda della componentistica”, un’attività che è “una parte importante delle esportazioni e dell’innovazione”. “Il fatto che ci sia una grande sottovalutazione e indifferenza di cosa succede al gruppo Marelli – conclude – ci preoccupa. Preoccupa il fatto che non ci sia un’idea di cosa fare della componentistica in questo Paese”.