Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all’intero gruppo

90

“Abbiamo sempre avuto l’intenzione e l’interesse di rilevare Fca”. Così un portavoce di Great Wall Motors al “Financial Times” con una dichiarazione che riporta le mire del gruppo cinese non solo su Jeep, come emerso invece dalla email citata da “Automotive News” del presidente di Great Wall, Wang Fengying. Il quotidiano britannico aggiunge che alcuni analisti hanno sollevato dubbi sulla capacità di Great Wall di finanziare l’acquizione in quanto la capitalizzazione di mercato del costruttore cinese è pari a 120,9 miliardi di renminbi (18,1 miliardi di dollari) con un utile netto 2016 per 10,6 miliardi di renminbi (1,6 miliardi di dollari) e vendite in calo a fronte di un’agguerrita concorrenza. 

Nel trimestre a fine giugno Great Wall ha accusato infatti un calo del 4,7% delle vendite, del 13,7% del fatturato e del 78,8% dell’utile netto. Inoltre il suo modello di punta, Haval H6, che copre circa la metà delle vendite del gruppo, nei primi sette mesi dell’anno ha accusato una flessione del 5,5% delle consegne a 263.872 unità. Fca, che ha detto di non essere stata contattata da Great Wall, ha una capitalizzazione per circa 16,45 miliardi di euro e un indebitamento industriale netto per 4,2 miliardi. Yale Zhang di China Automotive Foresight, ha indicato in particolare che Fca “è troppo grande” per essere acquistata da Great Wall, mentre sarebbe più logico che il gruppo cinese rilevasse un singolo brand, come Jeep. “Great Wall intende diventare leader mondiale nella produzione di Suv e con Jeep potrebbe raggiungere questo obiettivo molto più velocemente”, indica Zhang, mentre un altro analista con base a Hong Kong ha detto al quotidiano che Great Wall “non ha molta liquidita’ e aumentare l’indebitamento per rilevare Fca rappresenta un grande rischio. Sarei sorpreso inoltre se Fca lasciasse loro solo Jeep”. Fca produce già Jeep nell’ex Celeste Impero con il partner locale Guangzhou Automobile.