Fca, Re David (Fiom Cgil): Nel nuovo contratto priorità alle condizioni di lavoro

175
in foto Francesca Re David, segretario generale Fiom

“Per il rinnovo del contratto del gruppo Fca, che scade a fine 2018, vogliamo partire dalle condizioni concrete di lavoro per costruire una piattaforma insieme ai lavoratori”. Lo afferma il segretario generale della Fiom Cgil presentando l’inchiesta svolta negli stabilimenti Fca e Cnhi. “Le condizioni di lavoro sono il nocciolo duro, ancora prima del salario”, aggiunge Re David, che annuncia per il 7 luglio la conclusione del lavoro interno di preparazione della piattaforma, che poi sarà discussa in assemblea con i lavoratori.
Re David vede nella trattativa per il rinnovo del contratto collettivo specifico (Ccsl), che sostituisce nel gruppo Fca il contratto nazionale, un’opportunità “per superare le ferite di una rappresentanza dimezzata e di un contratto dimezzato” dall’esclusione della Fiom.
Per questo si appella a Fim Cisl e Uilm, che hanno firmato il contratto in scadenza, perché “assumano il fatto che sarebbe bene avere un unico tavolo di confronto”. Inoltre il segretario generale chiede al governo di “continuare il tavolo tecnico sulla produzione dell’auto, avviato dal precedente esecutivo, e questa volta vi sia chiamata anche Fca”, anche in vista della fine, a settembre, degli ammortizzatori sociali negli stabilimenti di Pomigliano e Mirafiori”.