Fca, Spera (Ugl): Auspico un piano in continuità col precedente

33
in foto Antonio Spera, segretario generale dell’Ugl Metalmeccanici

“L’auspicio è che domani l’ad di Fca, Sergio Marchionne, presenti un piano industriale in continuità con il precedente, che permetta la tutela di tutti i livelli occupazionali e l’azzeramento dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali, già in netto calo rispetto al passato”. Lo afferma il segretario generale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, che domani parteciperà alla presentazione del Business Plan 2018-2022 di Fca a Balocco. “Servono nuove missioni produttive – spiega – per numerosi stabilimenti, a partire da quello di Pomigliano, dove si deve garantire il rientro in fabbrica di tutti i lavoratori, passando da Mirafiori, che cesserà di produrre la Mito a luglio, e continuando con Melfi, dove, con la produzione della Punto quasi alla fine, serve un nuovo modello che affianchi la Renegade e la 500 X, per finire con il sito Maserati di Modena. L’auspicio inoltre è che lo stabilimento di Termoli prosegua con l’attuale trend positivo, che ha visto notevoli investimenti e ha creato nuovi posti di lavoro. È inoltre importante garantire produzioni e occupazione anche per gli stabilimenti di meccanica in cui si producono motori, in particolare di Pratola Serra, in provincia di Avellino che, con circa 2.500 motori al giorno e 1.800 lavoratori diretti, provvede alla quasi totalità dei propulsori Diesel e necessita di un forte impegno per nuove motorizzazioni. Anche la Vm Motori di Cento, in provincia di Ferrara, va accompagnata nella risalita produttiva a cui ha assistito nell’ultimo periodo”.