Ferdinando Palumbo acclamato segretario di Ugl Caserta

113
in foto Ferdinando Palumbo

Una nuova squadra composta di giovani e donne, è questo il dato più rilevante che è emerso dal congresso della Ugl Caserta che si è svolto nel comune di Castel Volturno ed ha visto l’elezione a Segretario di Ferdinando Palumbo. Durante la sua relazione, suddivisa in 14 cartelle, il sindacalista ha approfondito dettagliatamente i punti relativi allo sviluppo del litorale domitio ed alla parità di genere, Palumbo si è soffermato sulle problematiche relative alla cosiddetta terra dei fuochi, sulle vertenze dell’industria e del commercio e sulla necessità di preservare i siti culturali della provincia. In definitiva è stata tracciata la strada che il sindacato di Via Vivaldi percorrerà nei prossimi anni ed annunciata una prossima mobilitazione che vedrà la partecipazione di tutte le categorie. E’ stato un discorso rivolto anche al suo interno -Il reduciscmo, il separatismo post Risorgimentale e le nostalgie del secolo scorso cederanno necessariamente il passo al nostro universo valoriale che resta certamente unico, ma che guarda alla condivisione in particolare a quella sindacale- e che ha tagliato corto col passato -negli ultimi mesi la Ugl Caserta ha aperto le sue porte al mondo e da domani lo farà con ancor maggior determinazione cercando di sostenere le iniziative più meritevoli dei suoi dirigenti-. I lavori si erano aperti in mattinata con i saluti del Vice Segretario Generale Giancarlo Favoccia che aveva invitato Palumbo a proseguire il suo produttivo lavoro, della segretaria confederale Ornella Petillo, del Segretario Nazionale della Igiene ambientale Roberto Favoccia e del Segretario Regionale Gaetano Panico. Numerosissimi gli interventi dei delegati delle categorie, tutti a sostegno del neo segretario che si è visibilmente commosso durante gli interventi di Luciano Gentile, Claudia Giannini e Ciro De Vita, i quali ne hanno tracciato un affettuoso profilo.