Festa dell’Indipendenza, Filippine-show a Napoli

49

Parate, spettacoli di danze e canti popolari filippini del corpo di ballo di MaKati per la Festa d’Indipendenza delle Filippine. L’iniziativa è stata promossa dal Console Onorario delle Filippine in Napoli e Campania Francesca Giglio (con il Patrocinio del Comune di Napoli e di quello di Salerno), domenica 21 giugno, presso l’Auditorium della Curia ArciVescovile a Largo Donnaregina 22 e, nel pomeriggio, a Salerno presso la Chiesa dell’Immacolata in piazza San Francesco. “Un ringraziamento particolare – spiega il Console onorario – va alla Giunta del Comune di Napoli, all’assessore al Patrimonio Sandro Fucito, caro amico della comunità filippina, che ha tenuto a battesimo l’apertura del consolato onorario, e con la sua presenza ha testimoniato la vocazione della nostra città, capitale del mediterraneo, all’internazionalismo, nonché la sensibilità che ha verso le rappresentanze etniche presenti sul territorio. È stata la giornata dei ringraziamenti, della festa, della fusione tra tradizione ed innovazione, tra folklore filippino e campanilismo, perciò è doveroso citare lo sforzo profuso dalla comunità filippina di Napoli e Campania nella persona del Presidente Precy Dimayuga e dalla comunità di Salerno nella persona del Presidente Villamor Velasco”. Molti i filippini che hanno affollato l’auditorium, tra decine di associazioni, per assistere allo spettacolo che si è articolato lungo l’intera giornata; l’avvio – come ogni anno – è stato dato dalla Parata delle bandiere storiche delle Filippine, la parata ufficiale di tutte le associazioni e attività della comunità filippina radicata in Campania, e non solo. Tante le esibizioni dei gruppi folklorici locali e l’esecuzione dei piccoli talenti di Batang Idol (http://frontierenews.it /2013/05/roma-una-domenica- allinsegna-della-festa-e-dellintercultura-fotogallery/) . Una lunga giornata all’insegna della tradizione, della cultura e del divertimento per una delle comunità meno conosciute ma tra le più interessanti del panorama iternazionale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here