Festival del Giallo Città di Napoli, da giovedì 25 maggio full immersion nei “delitti di carta”

201

di Fiorella Franchini

Dal 25 al 28 maggio, il Grenoble ospita la seconda edizione del Festival del Giallo Città di Napoli nell’ambito della Settimana Franco-Napoletana che ricorda i legami storici tra Napoli e la Francia. Si è soliti far coincidere la nascita del giallo con la pubblicazione, nel 1841, de I delitti della via Morgue di Edgar Allan Poe, in cui compare il personaggio di Auguste Dupin, investigatore francese dalle eccezionali capacità deduttive, ma è napoletano il primo noir scritto in Italia, Il mio cadavere di Francesco Mastriani del 1851. Un classico enigma risolto con il metodo cartesiano e un thriller, ricco di pathos e di riflessioni esistenziali, Parigi e Napoli, due atmosfere, apparentemente contrapposte eppure legate da sottili fili rossi, l’attrazione per il delitto, il sangue, il mistero e l’interesse per l’analisi scientifica e razionale che porta a individuare in maniera univoca e consolatoria il colpevole.

Il progetto, nato dall’incontro tra la Casa Editrice Gialli.it e la Libreria Iocisto di Napoli, unica libreria italiana ad Azionariato Popolare, si svolgerà anche in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Napoli e con il contributo di Mario Punzo e la sua Scuola Italiana di Comix, e accoglierà nelle terrazze dell’Istituto culturale del Consolato francese sessantuno scrittori, trentuno eventi, un’area giochi dedicata ai murder party, una simultanea di scacchi con la pluricampionessa italiana Mariagrazia De Rosa, un workshop di scrittura con Franco Forte, il direttore dei Gialli Mondadori, una lezione su come si traduce un giallo con Luca Briasco, il traduttore italiano di Stephen King, una festa dedicata a Julia Kendall Universe la criminologa della Sergio Bonelli Editore in esclusiva per il Festival e si potrà partecipare a un’indagine con la Polizia scientifica per scoprire le ultime metodologie di ricerca.

Una vera e propria maratona letteraria tra “i delitti di carta” come definisce la variegata combinazione d’indirizzi narrativi, l’organizzatore del Festival Ciro Sabatino affiancato dal Presidente Maurizio de Giovanni, durante la quale sarà possibile incontrare Luca Crovi, i maestri del thriller Donato Carrisi e Carlo Lucarelli e le protagoniste del giallo femminile, da Patrizia Rinaldi, a Piera Carlomagno, da Grazia Verasani, a Sara Bilotta e Alessia Gazzola i cui personaggi hanno spesso lasciato le pagine del libro per varcare il mondo della fiction televisiva.

Spazio anche al cosy crime, narrativa poliziesca dai toni leggeri e una buona dose di humor, come quella di Serena Venditto e il suo gatto Microsoft, e al giallo umoristico di Pino Imperatore, Gianni Puca e Francesco di Domenico dall’accento spiccatamente partenopeo, senza dimenticare i finalisti del Premio Giallo.it; il vincitore sarà pubblicato in appendice a Il Giallo Mondadori.

Il romanzo giallo, nelle sue diverse declinazioni, mostra una grande vitalità e si conferma come l’unico genere letterario capace di ottenere consensi nel precario mercato editoriale. Un successo che spazza via le polemiche sulla letteratura di consumo perché a fronte di tanti prodotti commerciali si scoprono, anche tra le piccole case editrici, testi di profondo valore sociale e psicologico, specchio di vizi e bisogni della nostra contemporaneità. “L’essenza del romanzo poliziesco – affermava lo scrittore Gilbert Keith Chesterton – consiste nell’imbattersi in fenomeni visibili la cui spiegazione è nascosta; è questa, se ci si riflette bene, l’essenza di ogni filosofia”.

Il programma completo sul sito di Giallo.it