Fiere: al via a Rimini Macfrut, 3 giorni con filiera dell’ortofrutta

35

Rimini, 8 mag. (Labitalia) – Su il sipario sulla vetrina internazionale dell’ortofrutta. L’appuntamento è alla Fiera a Rimini, da domani all’11 maggio, con la 35ma edizione di Macfrut. Padiglioni aperti per i professionisti dell’ortofrutta dalle ore 9,30 (fino alle 18), l’inaugurazione ufficiale della Fiera avverrà alle 11,30 alla presenza di Stefano Bonaccini, presidente Regione Emilia-Romagna, Juan Guillermo Zuluaga Cardona, ministro dell’Agricoltura della Colombia (paese Partner 2018), Giuseppe Pan, assessore all’Agricoltura Regione Veneto (Regione Partner 2018), e Paolo De Castro, vicepresidente commissione Agricoltura Parlamento europeo.

Imponenti i numeri della rassegna cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi quattro anni. Macfrut si dispiega su 8 padiglioni su un’area di oltre 55mila metri quadrati, oltre 1.100 espositori, un quarto dei quali esteri, oltre 1.500 buyer invitati da tutto il mondo, un centinaio tra convegni, incontri e seminari per fare il punto sul sistema ortofrutticolo internazionale. Ultimo dato di crescita, la presenza di pullman di visitatori, organizzati da imprese, associazioni, riviste e università: dai 20 della scorsa edizione (di cui 3 esteri), ai 50 di quest’anno (7 esteri, da Croazia, Serbia e Bosnia).

Internazionalizzazione e innovazione sono i due cardini di Macfrut, unica fiera di filiera nel panorama fieristico. Sul piano internazionale, il 25% degli espositori sarà oltreconfine per una rappresentanza estera di oltre 40 Stati da quattro continenti. Tante le new entry (Tanzania, Zambia e Mozambico, Uzbekistan, Honduras, El Salvador, Grecia), a cui si affiancano numerosi singoli espositori esteri in spazi individuali e la presenza delle principali catene distributive mondiali.

Sempre sul piano internazionale, boom di buyer mondiali che hanno oltrepassato la soglia dei 1.500, e la presenza dei principali produttori e importatori di frutta tropicale grazie al primo summit europeo del Tropical Fruit Congress. Fondamentale nel percorso di internazionalizzazione il sostegno dell’Ice-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, che ha visto la selezione di 150 operatori provenienti da circa 30 Paesi. Fondamentale anche la Regione Emilia Romagna, in particolare nell’incoming di buyer cinesi. Partner di Macfrut in questo cammino il gruppo bancario UniCredit, main sponsor e business partner, e Coface, uno dei leader mondiali nell’assicurazione dei crediti.

Numerose le novità anche sul piano delle innovazioni. Ben 32 le aziende premiate nel Macfrut Innovation Award per le innovazioni nei diversi segmenti del settore: sementi, macchine attrezzature per la coltivazione, colture protette, fertilizzanti, tecnologie per il confezionamento, packaging e imballaggio, logistica e servizi e quarta gamma.

Un’altra grande novità è l’area dinamica, AcquaCampus, un campo dimostrativo di 500 metri quadrati dove si possono vedere in azione gli impianti di irrigazione tecnologicamente più avanzati, presentati dalle aziende leader mondiali. In vetrina anche le novità della IV Gamma, in mostra in una serra di 400 mq con gli ultimi ritrovati della tecnica per la raccolta delle verdure dedicate a questo segmento. Macfrut è anche una fiera ricca di contenuti. Sono un centinaio gli eventi in programma tra convegni, meeting aziendali, convention organizzati direttamente dagli espositori, con il grande Summit europeo sui frutti tropicali, il Tropical Fruit Congress dedicato a mango e avocado.

L’ortofrutta è un settore fondamentale dell’agroalimentare italiano. Il valore della produzione arriva a 12 miliardi e 329 milioni di euro, il 25% del valore della produzione dell’intero settore agricolo; di questo importo, circa 3,2 miliardi arrivano dalla frutta propriamente detta (gli agrumi sono a parte e valgono da soli quasi un altro miliardo di euro), patate e ortaggi totalizzano poi altri 7,4 miliardi, il resto si distribuisce fra uva da tavola e legumi. Il 50% circa di tutto questo arriva dalla cooperazione. L’Italia è tra i primi al mondo con una produzione di oltre 10 milioni di tonnellate di frutta all’anno, dato che mette insieme frutta, agrumi e uva da tavola. Gli ortaggi sia in serra che pieno campo, insieme a legumi secchi, patate e olive da tavola arrivano a oltre 15 milioni di tonnellate.

Il 2017 sarà ricordato come l’anno del record nelle esportazioni. Per la prima volta, infatti, è stata superata la soglia dei 5 miliardi di euro (5,1 miliardi per la precisione, +2,5%) che pongono il settore ortofrutticolo al secondo posto come valore nell’agroalimentare italiano. Solo il vino ha fatto meglio, con 6 miliardi di euro, tutto il resto viene dopo. Non solo: se al settore ortofrutta sommiamo quello di conserve e succhi vegetali (3,2 miliardi di euro) l’insieme darebbe 8,3 miliardi di euro, al primo posto come peso in valore economico. La quota maggiore dell’export è rappresentata dalla frutticoltura (3,7 miliardi di euro), minore ma sempre di rilievo la quota orticola (1,4 miliardi).

Riguardo ai consumi, il 2017 ha visto un aumento dei volumi consumati di frutta e verdura in Italia. Nell’arco dell’ultimo anno, le famiglie italiane hanno acquistato, per il consumo domestico, 8,5 milioni di tonnellate di ortofrutta, circa 180 mila tonnellate in più rispetto al totale del 2016 (+2,2%). L’incremento rispetto a soli cinque anni fa è del +12,4%, anche se il riferimento è sulla base di un’annata, quella del 2013 nel quale l’ortofrutta era in caduta libera. Aumenta che il volume d’affari del comparto, salito del +3% rispetto allo scorso anno, che ha raggiunto i 14,2 miliardi di euro. Prezzo medio di acquisto stabile nel 2017 con 1,67 euro/kg, nel periodo 2014-2016 era di 1,66 euro/kg.

Sono una quarantina gli eventi in programma nella giornata di apertura della Fiera. Si parte alle 10 con la presentazione del ‘Progetto Nocciola Italia’; alla stessa ora convegno Jingold sulle ‘Opportunità di sviluppo nei nuovi mercati Internazionali e nuove strategie commerciali’ (evento a invito). Alle 10,30 Feed promuove un incontro sulla ‘Importanza della condivisione delle informazioni nel settore agro-alimentare: oltre la supply chain’.

Pieno di convegni nel pomeriggio già alle 14: il Crpv propone ‘Ricerca e innovazione nel comparto ortofrutticolo in Emilia-Romagna’, Isagro la ‘Ricerca Italiana ed innovazione al servizio dell’agricoltura sostenibile’, Coldiretti il ‘2018 anno del cibo italiano: l’ortofrutta tra salute e benessere’, Eurepack su ‘La rete europea per il riutilizzo’. Di grande attualità i due appuntamenti delle 14,30: le fake news sui prodotti di IV gamma, e il Forum del Cso sulla ‘Peschicoltura europea: Statistiche, analisi e prospettive’. E, ancora, sempre alle 14,30, il Focus sui biostimolanti promosso da Image Line, mentre Brio pone l’accento sul biologico per il Sud d’Italia.

Alle 15 la Colombia, Paese partner di Macfrut, si presenta alla stampa e agli operatori. Sempre alle 15 ci sarà la consegna del Macfrut Innovation Award alle aziende innovatrici, mentre UniCredit consegnerà un riconoscimento alle due aziende che hanno fatto dell’internazionalizzazione il loro marchio. La giornata si chiude alle 16 con il convegno di Nespack sulle soluzioni per l’imballaggio, alle 16,30 la Regione Basilicata presenta le sue eccellenze. Nel corso della giornata l’area meeting de ‘L’Informatore Agrario’ ospiterà sei incontri di carattere tecnico, lo stesso ci sarà nell’area meeting di Acquacampus. Due invece gli appuntamenti nell’Agorà bio con il Frutteto biologico e l’innovazione nelle tecniche di agricoltura bio.