Maison Signore a Sì Sposaitalia: nuove collezioni e premi ai giovani designer

61

di Paola Ciaramella

Maison Signore partecipa a Sì Sposaitalia, la fiera internazionale del bridal in programma dal 6 al 9 aprile a Fieramilanocity. Nel corso della quattro giorni l’atelier campano presenterà ai buyer le nuove collezioni di abiti da sposa dei suoi brand Excellence, Victoria F, Seduction e Giovanna Sbiroli. Nata quarant’anni fa da un piccolo laboratorio di sartoria Haute Couture per le spose, la casa di moda oggi è simbolo della qualità e ricercatezza italiana nel mondo e conta tre flagship store in Campania, oltre cinquanta rivenditori in Italia e altrettanti all’estero, tra cui Kleinfeld a New York. “A Sì Sposaitalia presenteremo collezioni nelle quali, come sempre, ogni abito è per la Maison un’opera d’arte da curare in ogni dettaglio: dalle linee, ai tessuti, ad ogni materiale, finanche nella sua versatilità e capacità di modellare ogni forma e vestire ogni donna nei diversi momenti che caratterizzano il giorno più bello – dichiara l’amministratore Gino Signore –. Tutti i nostri abiti sono interamente prodotti in Italia, rigorosamente realizzati a mano dalle nostre esperte première e minuziosamente ricamati dalle nostre ricamatrici esperte, non sono soltanto preziosi esempi di alta sartorialità, ma veri e propri esempi di ricerca e innovazione, tanto nello styling quanto nelle materie prime e nelle tecnologie di realizzazione”. Durante l’evento milanese saranno annunciati, inoltre, i vincitori del contest “The young designer bridal award”, alla seconda edizione, promosso dalla Signore Academy per avvicinare i giovani designer al mondo dell’Alta Moda Sposa, selezionandone uno o più di uno da inserire nell’ufficio stile. Per tre giorni, quindici studenti provenienti dallo IED di Roma, dall’Accademia di Belle Arti e dall’Accademia della Moda di Napoli, hanno lavorato nel quartier generale di Maison Signore a Caserta su tre mood diversi, sfidandosi tra loro e confrontandosi con professionisti del settore. “Abbiamo scelto di premiare i vincitori del contest a Sì Sposaitalia – continua Signore – perché per noi la ricerca di stili e tendenze è continua e anche nell’occasione in cui presentiamo le nuove collezioni siamo già proiettati sulle nuove sfide. Il mondo del bridal, come tutto quello del tessile, potrà dare grandi opportunità di lavoro e le aziende avranno sempre più bisogno di risorse qualificate”.