“Figlio Boris Becker mezzo negro”, bufera su deputato ultradestra

21

Berlino, 3 gen. (AdnKronos/Dpa) – Un insulto razzista al figlio di Boris Becker e un deputato tedesco dell’Afd finisce nella bufera. Jens Maier, esponente dell’ultradestra, ha dedicato un cinguettio di pessimo gusto a Noah Becker, 23enne figlio dell’ex tennista e di Barbara Feltus: “Sembra che al piccolo mezzo negro abbiano dedicato poca attenzione, altrimenti non si spiega il suo comportamento”, ha twittato Maier prima di cancellare il messaggio.

Il post era riferito al passaggio di un’intervista rilasciata dal giovane, convinto che Berlino sia “una città bianca”, nella quale il ragazzo è stato “aggredito” per il colore della propria pelle.

I vertici di Afd nella circostanza hanno preso le distanze da Maier. Dal partito, intanto, filtra la versione secondo cui il tweet non sarebbe stato scritto dal deputato ma da un membro dello staff che si occupa della gestione dei social network. “Questo non è il mio stile”, è intervenuto il copresidente di Afd, Alexander Gauland, dimenticando però l’episodio di cui fu protagonista nel 2016, quando rilasciò dichiarazioni infelici nei confronti del calciatore Jerome Boateng, figlio di padre ghanese e madre tedesca: “La gente lo considera un buon giocatore, ma non vuole averlo come vicino di casa”.