Financial Times sull’Italia: Bpm-Banco popolare aprono strada, altre seguiranno

64

Il Financial Times dedica un articolo alle banche italiane che “aprono la strada del consolidamento” del settore. “Altre operazioni sono attese” dopo il via libera al progetto di fusione Bpm e Banco Popolare che rappresenterà il terzo gruppo del Paese, scrive il quotidiano. Ma le richieste della Bce, nel suo ruolo di supervisore del single supervisory mechanism, su capitali e governance ha lasciato “gli attori del mercato preoccupati per eventuali prossime” operazioni.

Il Financial Times riporta quanto affermato da Davide Serra, fondatore e Ceo di Algebris Investments nonché amico del premier Matteo Renzi: il sistema italiano, ha detto Serra, ha bisogno di “maggiore consolidamento” perché “ha più banche che pizzerie“. E, ha aggiunto, l’azione della Bce ha “destabilizzato la fiducia del mercato“. I banchieri, prosegue il quotidiano economico-finanziario, sostengono che l’attenzione verrà rivolta verso Ubi banca su cui sia Bpm che Banco Popolare hanno intavolato senza successo trattative. E anche Banca Monte dei Paschi di Siena (la peggiore tra le euRopee secondo gli stress tests nel 2014) e la genovese Carige “stanno cercando dei compratori“.