Fincantieri, siglato l’accordo azienda-sindacati: nuova missione produttiva per il sito stabiese

28

E’ stato firmato all’Unione industriali di Napoli l’accordo tra sindacati e Fincantieri per l’utilizzo della cassa integrazione ordinaria nello stabilimento di Castellammare di Stabia (Napoli), propedeutica agli investimenti e alla nuova missione produttiva. Esprimono “soddisfazione” per “la condivisione delle scelte produttive da parte dell’azienda e di tutti i rappresentanti dei lavoratori” gli assessori alle Attività produttive e al Lavoro della Regione Campania, Amedeo Lepore e Sonia Palmieri. L’accordo “conferma – spiegano – lo spirito costruttivo del confronto svoltosi in questi giorni. Questo è stato possibile grazie alla sinergia che abbiamo costruito tra la Regione e il Governo per il rilancio industriale di un comparto fondamentale del nostro territorio. L’accordo – aggiungono – grazie all’impegno mostrato dal Governo nazionale contribuisce a una prospettiva di sviluppo fondamentale per il futuro della Campania”. Per Giovanni Sgambati, segretario Uilm Campania, “é un risultato importante che tutela i lavoratori ma allo stesso tempo ridà prospettive positive per il cantiere di Castellammare. Siamo fiduciosi che l’impegno assunto al Mise sulla nuova nave oceanografica possa essere concretizzato”. Giuseppe Terracciano, segretario Fim Cisl Campania, ritiene “positivo il percorso tracciato per lo storico cantiere stabiese,  in particolare la capacità della Rsu, del sindacato territoriale, regionale e del management di  Fincantieri di aver saputo coniugare pazientemente la ricerca di una intesa che valorizzi il territorio, sconfiggendo tutti coloro che hanno lavorato contro il cantiere perché l’accordo assicura lavoro creando le condizioni di serenità per i lavoratori e la città”.