Fincantieri: varata Seabourn Ovation, la nuova nave extra-lusso

71

La bottiglia che si infrange sulla chiglia, l’acqua che entra in bacino a bagnare per la prima volta la fiancata e, poco prima, la coin ceremony, la saldatura della moneta sul ponte più alto della nave. La costruzione di “Seabourn Ovation”, la seconda nave extra-lusso che Fincantieri sta realizzando nello stabilimento di Sestri Ponente per la società armatrice Seabourn cruise line, brand del colosso Carnival corporation, è entrata nella seconda fase con la doppia cerimonia di stamattina. “Ovation rappresenta il futuro nell’evoluzione delle nostre navi e dell’intero segmento delle navi di lusso” sottolinea soddisfatto Richard Meadows, presidente di Seabourn cruise line in occasione della cerimonia. E al momento, aggiunge, non sono previsti programmi di ulteriore espansione della flotta. Lunga 210 metri, larga 28, 40.350 tonnellate di stazza lorda, la nave potrà ospitare 600 passeggeri, in suite doppie, tutte dotate di balcone privato. “Seabourn Ovation” è la gemella di “Seabourn Encore”, consegnata a fine 2016 nel cantiere di Marghera. “Oltre a questa nave che consegneremo il 30 aprile, il cantiere ha in portafoglio altre tre navi e l’opzione per altre due, con l’armatore Virgin Cruises. Navi da 110 mila tonnellate di una nuova serie. Una in consegna nel 2020, una nel 2021 e la terza nel 2022. Se saranno esercitate le opzioni daranno lavoro fino al 2025″ spiega Paolo Capobianco, direttore dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente subito dopo il varo.