Fincantieri, vertice a Roma: Italia e Francia cercano l’intesa

55

Italia e Francia di nuovo a lavoro per cercare un’intesa sul caso Fincantieri-Stx. Oggi pomeriggio il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e il titolare dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, incontreranno il collega francese, Bruno Le Maire. Il negoziato e’ andato avanti nell’ultimo mese e i due Paesi proveranno a ridurre le distanze dopo lo strappo di Parigi che a fine luglio ha deciso di nazionalizzare temporaneamente i cantieri di Saint-Nazaire. L’incontro viene definito interlocutorio e utile a preparare il terreno in vista del vertice franco-italiano tra il presidente francese, Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che si terra’ a Lione il 27 settembre. L’obiettivo e’ di arrivare entro quella data a trovare un accordo di massima. Ma il braccio di ferro sulla vicenda Fincantieri e’ ormai legato all’altro grande nodo, quello del controllo di fatto di Vivendi su Tim che ha contribuito a surriscaldare i rapporti tra i due Paesi. Il governo, pur negando che si tratti di una ritorsione, sta valutando la possibilita’ di esercitare sull’azienda telefonica la cosiddetta ‘golden power’, ovvero poteri speciali sugli asset societari in settori considerati strategici. Ma i francesi sono di tutto altro parere. E anche questo dossier inevitabilmente finira’ al centro del confronto di oggi. Forte dell’accordo raggiunto sotto la presidenza Hollande per rilevare il 66,7% di Stx, l’Italia confermera’ al tavolo con la Francia la linea della fermezza dopo aver gia’ ribadito che non intende cedere sulla quota di controllo di Fincantieri.