Fisco, indagine Cgia: Campania tra le regioni meno tartassate

47

Sono i lombardi i piu’ “generosi” d’Italia con il fisco o, se guardiamo il bicchiere mezzo vuoto, i piu’ “vessati” dal nostro sistema tributario. E’ quanto emerge dai dati elaborati dall’Ufficio studi della CGIA, che ha messo a confronto il gettito di imposte, tasse e tributi versati allo Stato, alle Regioni e agli Enti locali dai lavoratori dipendenti, dagli autonomi, dai pensionati e dalle imprese residenti nel nostro Paese. La regione che svetta nella graduatoria dei piu’ “tartassati” d’Italia e’ la Lombardia: nel 2015 ogni residente di questo territorio (neonati e ultracentenari compresi) ha mediamente corrisposto al fisco 11.898 euro. Subito dopo si collocano gli abitanti del Trentino Alto Adige, con un gettito medio di 11.029 euro e gli emiliano-romagnoli, con 10.810 euro. Appena fuori dal podio, invece, si posizionano i laziali (con un versamento medio di 10.452 euro) e i liguri (con 10.121 euro). Le Regioni, infine, dove il fisco e’ meno “invasivo” sono quelle meridionali: nel 2015 in Campania il gettito pro-capite medio e’ stato pari a 5.703 euro, in Sicilia a 5.610 euro e in Calabria a 5.436 euro. Nel Sud e nelle Isole, di fatto, il peso complessivo del fisco e’ pari a quasi la meta’ di quello “gravante” sui residenti del Nordovest. “L’esito di questa analisi – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – dimostra come ci sia una correlazione tra le entrate fiscali versate, il reddito dichiarato e, in linea di massima, anche la qualita’/quantita’ dei servizi erogati in un determinato territorio”.