Fisco: Ugl Pensionati, cambiare tutto il sistema

18

Roma, 16 lug. (Labitalia) – “Occorre cambiare tutto il sistema fiscale”. A dirlo Maria Letizia Magistri, componente del comitato consultivo nazionale della Ugl Pensionati. “Occorre -afferma- una profonda revisione dei meccanismi di tassazione del reddito nell’ottica di una vera semplificazione, equità e contrasto all’evasione. La riforma fiscale deve assolutamente tenere conto dei redditi”.

“Gli stipendi e ancor più le pensioni -sottolinea- sono in lire, lontanissimi dal costo della vita in euro. Gli scaglioni di reddito vanno adeguati. Occorre alleggerire la pressione fiscale delle famiglie, per far ripartire l’economia. Una fonte di risparmio potrebbe essere il togliere i sussidi ad attività ambientalmente dannose, a favore dell’agricoltura, che insieme al turismo è una grande ricchezza naturale per il nostro paese”.

“I contribuenti italiani -fa notare la sindacalista- sono fra i più tartassati del mondo; secondo l’ufficio studi dell’Ocse nel 2015 ogni italiano ha pagato 13.383 euro, cifra che supera di oltre mille euro la spesa fiscale media pro capite pagata nel resto del mondo. Dobbiamo considerare che nel resto del mondo chi paga tasse alte ha anche un reddito medio molto più alto del nostro. Per capire meglio il tartassamento fiscale di cui siamo vittime, analizziamo la pressione fiscale e la percentuale di pil che va in tasse. Il nostro 42,9% di pressione fiscale ci porta fra i paesi che pagano più tasse al mondo. Non è degno di un paese civile tassare il lavoratore ed il pensionato in tal maniera”.