Fisica, Bosone di Higgs e alte energie: dal Cern il futuro delle particelle

91

Lo studio in estremo dettaglio del bosone di Higgs e l’esplorazione delle frontiere delle alte energie. Il completamento nei prossimi anni del nuovo acceleratore, il progetto Hi-Lumi Lhc (High-Luminosity Large Hadron Collider), per il quale al Cern sono già in corso i lavori. Sono questi i settori che “rappresentano le due vie principali e complementari per affrontare le questioni ancora aperte della fisica delle particelle”, le priorità scientifiche identificate dal documento strategico che il Cern ha diffuso presentando la nuova Strategia europea della fisica delle particelle. Il Council del Cern, nel corso di una sessione online aperta, ha comunicato la futura strategia che orienterà la ricerca dell’Europa nella fisica delle particelle, nel contesto mondiale di questi studi. La visione scientifica delineata dovrebbe, infatti, “servire da guida per il Cern e consentire una politica scientifica coerente in Europa. L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare sottolinea che “la strategia è guidata soprattutto dalla scienza e presenta le priorità di ricerca per il settore, individuate attraverso una riflessione cui hanno contribuito diverse centinaia di fisici europei”. Inoltre, le raccomandazioni che vengono espresse nel nuovo documento sottolineano come la fisica delle particelle abbia un forte impatto sul progresso e sulla società, derivante non solo dai risultati scientifici ma anche dal valore prodotto in termini di capitale tecnologico, sociale e umano. “È una strategia ambiziosa, che delinea un futuro molto promettente per l’Europa e per il Cern con un approccio attento e graduale. Continueremo a investire in forti programmi di cooperazione tra il Cern e gli altri istituti di ricerca negli Stati membri del Cern, e non solo”, ha commentato Fabiola Gianotti, Direttore Generale del Cern. “Queste collaborazioni -ha detto Gianotti- sono fondamentali per un progresso scientifico e tecnologico sostenuto e condiviso, e producono inoltre grandi vantaggi per la società”.