Fisica, un esperimento misurerà il “rumore di fondo” dell’ex miniera di Sos Enattos: Federico II nel team

110

Si chiama ‘Archimedes’ il primo esperimento di fisica inaugurato oggi nel centro della Sardegna per misurare il ‘rumore di fondo’ dell’ex miniera di ‘Sos Enattos’, a Lula (Nuoro), sito candidato a ospitare l’Einstein Telescope (Et), futuro rilevatore di onde gravitazionali di terza generazione. Nel laboratorio ‘Sar-Grav’ allestito nell’ex sito minerario saranno eseguite misure di altissima precisione sull’interazione tra la forza di gravita’ e le fluttuazioni quantistiche che in fisica caratterizzano la cosiddetta ‘energia del vuoto’. Ad Archimedes, coordinato dall’Infn-Istituto nazionale di fisica nucleare, partecipano le universita’ di Sassari, Federico II di Napoli e Sapienza di Roma, lo European Gravitational Observatory (Ego), l’Istituto Nazionale di Ottica del Cnr (Cnr-Ino) e il Centro di fisica teorica dell’Universita’ di Marsiglia (Francia).
Marco Pallavicini, componente della giunta esecutiva dell’Infn e presidente del Council di Ego auspica che l’ex miniera di Lula “possa diventare nel prossimo futuro la sede di Et, rendendo la Sardegna e l’Italia uno dei centri mondiali per la ricerca nel campo delle onde gravitazionali”. Archimedes punta a verificare se e in che quantita’ l’energia di vuoto del campo elettromagnetico, una grandezza concepita nell’ambito della teoria quantistica dei campi determini il peso di un oggetto. L’esperimento – come spiega Enrico Calloni, ricercatore della sezione Infn di Napoli a capo della collaborazione, impieghera’ “una bilancia super sensibile con un braccio lungo 1,4 metri posizionata all’interno di un criostato di grandi dimensioni”. “Compito dello strumento”, precisa Calloni, “sara’ misurare le potenziali e infinitesimali variazioni di peso indotte in due campioni di un materiale che ha la proprieta’ di intrappolare o espellere energia di vuoto quando viene variata la sua temperatura. L’Infn e’ responsabile della costruzione della bilancia e del criostato, attraverso le sezioni, rispettivamente, di Napoli e di Roma 1”.