Flumeri, il Comune irpino diventa capitale dell’olio d’oliva del Mezzogiorno

809

Dal 26 ottobre Flumeri diventa capitale dell’olio d’oliva del Sud Per Olio Colato, evento di promozione della cultura dell’olio Roma, 19 ott. (askanews) – Promuovere la cultura dell’olio extravergine di oliva, valorizzare un territorio d’eccellenza che dà vita a cultivar di grande gusto e straordinaria qualità, mettere in rete beni culturali, gastronomia, archeologia e cultura: è questo lo spirito del programma di eventi “Olio Colato”, promosso dall’Amministrazione Comunale di Flumeri (Avellino), Città dell’Olio, nell’ambito del progetto “Dogana Blues”, cofinanziato dal POC Campania 2014-2020, Linea strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, Politiche per il turismo e cultura”. Flumeri si caratterizza per una produzione di olio di altissima qualità: olio extravergine d’oliva Dop Irpinia Colline dell’Ufita, olio extravergine di oliva biologico monovarietale Ravece e altri oli di qualità superiore da cultivar ogliarola e leccino, marinese, carpellese. Prima tappa del progetto di promozione e marketing territoriale del Comune di Flumeri sarà dunque “Olio Colato”, programma di informazione, animazione e valorizzazione interamente dedicato all’olio extravergine di oliva, che in Irpinia ed in Campania ha Flumeri come territorio d’elezione. Spazio, inoltre, a tutte le eccellenze agroalimentari di un territorio particolarmente vocato ad una ruralità di qualità. Appuntamento dal 26 al 28 ottobre prossimi con un programma ricchissimo, che mette insieme esperienze, contributi, proposte in un dialogo costante con tutte le realtà associative e produttive presenti sul territorio, con l’obiettivo comune di veicolare un prodotto, le sue qualità, informazioni corrette, prospettive turistiche, accoglienza. “Olio Colato – spiega Angelo Lanza, sindaco di Flumeri – è il tassello dedicato alla promozione territoriale di un progetto più ampio che abbiamo ideato e presentato alla Regione Campania che ne ha, evidentemente, apprezzato la qualità ammettendolo a finanziamento. Con il programma che abbiamo messo a punto intendiamo far conoscere le nostre eccellenze territoriali, nella loro accezione più completa, ad una platea ampia, ma soprattutto qualificata: stampa specializzata, operatori economici, influencer, target precisamente individuati perché Flumeri possa essere conosciuta, apprezzata e veicolata, con tutte le sue peculiarità, come merita”.