Fondazione Alamo, un premio per giovani creativi: bando aperto agli under 35

41

Un premio per giovani creativi che vogliano sviluppare una nuova idea imprenditoriale. A lanciarlo la Fondazione Alamo per supportare concretamente progetti imprenditoriali validi ed efficaci e promuovere lo sviluppo economico nel nostro Paese. La Fondazione, senza fini di lucro, è nata proprio per aiutare le persone a “valutare, comprendere meglio e pianificare il loro modello di business, identificare le risorse necessarie, definire il processo produttivo e commerciale”. Attua un vero e proprio tutoraggio che aiuti a capire l’effettiva realizzabilità del progetto. Il premio Alamo è rivolto a giovani tra i 18 e i 35 anni. Possono partecipare persone fisiche singole o in gruppo e società costituite da meno di 6 mesi dalla domanda di partecipazione i cui soci siano esclusivamente persone fisiche. La partecipazione è gratuita. Il concorso si definisce creativo perché privilegia le idee che valorizzano il lavoro manuale, la produzione manifatturiera e la fornitura di servizi. Non possono partecipare le idee progettuali che consistono nella realizzazione o sviluppo di strumenti digitali (software, app, piattaforme web, etc.) o che prevedono il prevalente utilizzo di questi strumenti.
Verranno selezionati tre progetti che si distingueranno per efficacia, creatività e innovazione. Riceveranno un premio in denaro e la possibilità di usufruire dei servizi di Fondazione per il tutoraggio. I premi in denaro previsti sono così suddivisi: 10.000 euro per il primo, 6.000 euro per il secondo, 3.000 euro per il terzo. Per quanto riguarda i servizi di tutoraggio, i vincitori avranno la possibilità di verificare la validità del progetto, la sua sostenibilità e possibilità di riuscita. In particolare, beneficeranno di affiancamento da parte di un mentor per lo sviluppo dell’idea imprenditoriale; accompagnamento alla costruzione del business plan definitivo; supporto nella ricerca di ulteriori finanziamenti pubblici o privati e di partner di progetto. La valutazione del progetto segue alcuni criteri specifici: capacità di sintesi dell’idea imprenditoriale proposta in maniera chiara e nelle sue caratteristiche salienti, anche in termini di obiettivi e risultati; qualità e competenza del team imprenditoriale; coinvolgimento operativo nella gestione del business plan da parte di chi presenta il progetto; rischiosità del progetto (tempo di payback); stadio di avanzamento del progetto; tempo d’industrializzazione; ricadute occupazionali; scalabilità del progetto; innovazione.