Fondazione Attua, Pittella e Green presentano a Napoli l’indice alternativo al Pil

150
In foto Michael Green

L’economista inglese Michael Green, considerato un guru per le sue teorie sul cambiamento sociale basato sui partenariati tra imprese, governi e organizzazioni comunitarie è intervenuto oggi a Napoli, nell’ambito della tre giorni organizzata dalla Fondazione Attua . Ha presentato la metodologia del Social Progress Index che può contribuire a misurare il progresso sociale nelle città e nelle comunità locali, a partire da Napoli e dal sud. L’evento, che si chiuderà domani, è stato reso possibile dall’intervento della Commissione Europea e da Deloitte e ha visto la partecipazione del presidente Gianni Pittella. “Di solito le fondazioni sono dei think tank, cioè sono composte da un ventina di persone, che fanno una azione validissima, sia chiaro, noi abbiamo scelto un’altra strada: quella di aprire le porte di questo strumento a quanti più donne e uomini, – ha dichiarato il presidente Pittella – noi siamo 143 soci fondatori e oltre 200 soci partecipanti in diverse regioni d’Italia. Il socio ci porta idee, ci porta progetti e noi vediamo quali sono i canali finanziari che possono sostenere questi progetti. Questo è il ruolo di Attua”. “Il mio studio si basa su un indice tutto nuovo, Social Progress Index, – ha confermato Micheal Green- elaborato per migliorare il livello di benessere della gente. In pratica si studiano, nelle comunità, nelle città, quali sono i veri bisogni per migliorare la qualità della vita delle persone. Si tratta di un nuovo misuratore sociale, alternativo al PIL e, secondo me, più realista”.