Fondazione Cusani, via alle attività: un violino in regalo al piccolo Ciro Esposito

11

“Cominciamo oggi l’attività con le scuole con il primo contatto con l’istituto Alpi. E’ nata questa storia meravigliosa di questo bimbo appena nato, nipote di un ragazzo ucciso dalla violenza, e abbiamo pensato di donargli questo piccolissimo violino perchè la musica è simbolo di armonia e di pace”. Così Dario Cusani, presidente della Fondazione Gabriele e Lidia Cusani Onlus, a margine della cerimonia di apertura delle attività della fondazione stessa nella sala Giunta del Comune di Napoli. L’iniziativa, alla cui conferenza hanno partecipato Annamaria Palmieri e Laura Marmorale, rispettivamente assessore alla Scuola e assessore ai Diritti di cittadinanza del Comune di Napoli, e Rosalba Rotondo, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Alpi-Levi di Scampia, parte dalla nascita del piccolo Ciro Esposito, figlio di Pasquale e Roberta Fiore e nipote del tifoso napoletano ucciso a Roma prima della finale di Coppa Italia del 2014. “Svilupperemo i contatti – conclude Cusani – con altre scuole, specialmente nelle zone di periferia dove c’è una situazione più difficile, per aiutare i giovani, attraverso la musica, a diventare persone migliori”. Al termine della conferenza, l’Alpi-Levi Orchestra and Chorus, guidata da Rino Saggio, si è esibita con i brani “Tammorra antigomorra” e “Rumba degli scugnizzi”.