Fondazioni Liriche, incentivi per il rilancio: contributi all’assunzione di nuovo personale

83

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge numero 59 del 28 giugno scorso, con cui, al fine di assicurare il rilancio delle fondazioni lirico sinfoniche in termini di programmazione e di sviluppo, viene ammessa la possibilità, per tali soggetti, di stipulare, con atto scritto a pena di nullità, uno o più contratti di lavoro a tempo determinato per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale, per una durata che non può superare complessivamente i 48 mesi, anche non continuativi, anche all’esito di successive proroghe o rinnovi.
Tale possibilità è ammessa in presenza di esigenze contingenti o temporanee determinate dalla eterogeneità delle produzioni artistiche che rendono necessario l’impiego anche di ulteriore personale artistico e tecnico ovvero dalla sostituzione di lavoratori temporaneamente assenti. Il contratto deve riportare, a pena nullità, la condizione che consente l’assunzione a tempo determinato, la proroga o il rinnovo.
Il decreto demanda ad un provvedimento, da emanarsi entro i prossimi 30 giorni, la definizione di uno schema tipo cui ciascuna fondazione lirico sinfonica deve uniformarsi per la formulazione di una proposta di dotazione organica, da trasmettere ai Ministeri competenti entro i successivi 60 giorni.