Fondimpresa, il piano HT forma i nuovi professionisti del turismo

121

Dalle zuppe al siciliansushi con i prodotti del territorio, dall’arte del te in Oriente, con le miscele e l’abbinamento con cibi, alla cucina creativa con gli chef stellati e ai cocktail dei grandi mixologist internazionali. Sono alcune delle professionalità del futuro che parlano giapponese e la lingua del food che sono state al centro del piano formativo “HT – Hospitality Training”, finanziato da Fondimpresa e organizzato da Civita, i cui dati conclusivi saranno illustrati domani, venerdì 18 maggio, ore 10, all’hotel Palace Excelsior di Taormina. Quello appena concluso, con 1.950 ore di formazione, 41 azioni formative, 83 edizioni formative e 350 lavoratori coinvolti, è un piano settoriale multi regionale finanziato dal fondo interprofessionale Fondimpresa che ha coinvolto 58 imprese del settore turistico- alberghiero, di 6 regioni oltre che della Sicilia, Campania (16) Puglia (1), Abruzzo (1), Molise (2), Toscana (2). Le siciliane in squadra sono state 36 e Taormina, la ‘capitale del turismo’, l’ha fatta da padrona assieme a tutta la provincia di Messina con 12 aziende partecipanti, 9 a Siracusa, 7 a Catania, e ancora Ragusa (5), Palermo (2) e Agrigento (1).