Fondimpresa, Scuotto: Così sosteniamo la crescita dell’agroalimentare

144
In foto Bruno Scuotto, presidente di Fondimpresa

“L’industria agroalimentare italiana – dichiara il presidente di Fondimpresa, Bruno Scuotto – figlia di un know-how importante e strettamente connessa al territorio ed alle culture locali, vive un momento di profonda trasformazione: le nuove logiche legate all’innovazione ed alle tecnologie digitali si fanno strada nelle aziende del settore ed alla formazione connessa spetta il compito di innalzare e potenziare le competenze dei lavoratori. Le aziende del settore agroalimentare aderenti a Fondimpresa sono pari a 6.465 con 176.497 lavoratori, e buona parte di esse hanno manifestato grande attenzione per gli avvisi dedicati a Competitività e Innovazione”. “L’apprendimento permanente può e deve svolgere un ruolo fondamentale, declinandosi secondo le direttrici del lifelong e del lifewide e riconoscendo, promuovendo ed ampliando le competenze del capitale umano”, dice ancora Scuotto. Circa 10.000 lavoratori del settore agroalimentare sono stati formati con gli avvisi competitività ed innovazione di Fondimpresa, il 40% di loro sono donne, il 70% appartiene alle categorie professionali di Impiegati e operai generici. Il finanziamento di piani formativi per Competitività e Innovazione fruito dal settore agroalimentare ad oggi è pari a oltre 15 milioni di euro. Riconoscendo l’importanza di cogliere le opportunità offerte da un mondo interconnesso e digitale, Fondimpresa, in qualità di fondo leader del sistema dei Fondi Interprofessionali per la formazione continua, svolge un ruolo determinante nel contribuire all’evoluzione ed alla definizione di un sistema di validazione e certificazione delle competenze.