Food and travel, il Marocco fa affari con Napoli

134

Dal 25 al 27 Giugno 2022 una delegazione marocchina di uomini d’affari, investitori e leader nei settori dell’agricoltura, della distribuzione dell’industria alimentare, della logistica, dei trasporti e del turismo ha partecipato a Napoli a Castel dell’Ovo alla 1ª edizione della Fiera Internazionale ‘Mediterraneo Wine Food and Travel’.

Questa prima intensa missione creata su indicazioni di Emilia Granata esperta di relazioni istituzionali e diplomatiche si è avvalsa della partecipazione straordinaria di Amine Laghidi esperto internazionale e presidente di diverse organizzazioni e comitati marocchini, africani e internazionali, che è stato invitato a parlare davanti a diversi ministri e operatori economici italiani.

”Sotto l’impulso di sua Maestà il Re Mohammed lV, il Marocco sta lavorando instancabilmente per rafforzare la sovranità alimentare ed energetica a livello nazionale e regionale “ha affermato l’esperto internazionale di diplomazia e sovranità economica, Amine Laghidi durante questo evento caratterizzato anche dalla presenza del Ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio che ha inaugurato la kermesse.

L’esperto, ha sottolineato davanti a tutto il settore agricolo FAGRI e al suo Presidente Gianfranco Grieci gli sforzi compiuti dal Regno in campo energetico e il suo impegno per l’Africa e il Mediterraneo, evocando, in tal senso, il gasdotto Marocco-Nigeria progetto che “contribuirà a posizionare il Regno come snodo tra la sponda meridionale del Mediterraneo e i Paesi africani esportatori di energia”.

“Deciso e ambizioso, il Marocco vuole ora essere una locomotiva di sviluppo in Africa e nella Regione , ponendosi come un vero polo economico “ha indicato il Sig.Laghidi ,osservando che il “Regno è pieno di enormi opportunità di investimento in vari campi da poter suscitare l’interesse delle aziende italiane “

L’esperto ha anche evidenziato il clima favorevole agli affari nel Regno, “Oasi di stabilità e pace” e le grandi riforme politiche ed economiche intraprese negli ultimi anni e che fanno del Marocco una piattaforma appetibile dagli investitori esteri

Inoltre Laghidi ha sottolineato l’importanza della sicurezza alimentare ed energetica, data la minaccia di carenza di filiera e il crescente rischio di carestia in molte regioni del mondo, sottolineando il ruolo dell’agricoltura e della pesca nel mantenimento dei posti di lavoro e nel preservare la stabilità e la sovranità alimentare delle nazioni

Fagri Nazionale ha trovato un accordo con le autorità governative del Marocco per portare nel Paese  il format ‘Mediterraneo Wine and Food and Travel ‘ e per aprire dunque un canale commerciale nei mercati internazionali tra l’Italia che è la porta d’ingresso per l’Europa e il Marocco che è la porta d’ingresso per l’Africa stessa.