Food, presentata a Napoli la ricerca Coldiretti/Ixè: 2 italiani su 3 preoccupati dagli scandali alimentari

47

Due italiani su tre (cioe’ il 68% del campione considerato) sono preoccupati dell’impatto, sulla loro salute, di quello che mangiano, anche per effetto del ripetersi degli scandali alimentari. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ divulgata al Villaggio contadino a Napoli. Quasi 1 italiano su 3 (29%) ritiene che i casi di frode e contraffazione alimentare dovrebbero essere puniti con l’arresto, e la maggioranza dei cittadini (51%) che chiede comunque la chiusura dell’attivita’ coinvolta nella frodi. L’utilizzo di cibo o materie prime per un piatto insicuri e’, infatti, una realta’ insidiosa, sia che si tratti della semplice alterazione delle etichette fino alla adulterazione, come l’utilizzo di polvere di latte vietata per i formaggi o all’olio di semi trattato con clorofilla spacciato per extravergine, alla sofisticazione come per l’uso di perossido di benzoile per sbiancare la mozzarella, di anidride solforosa per rendere piu’ rossa la carne o del Cafodos utilizzato per far sembrare il pesce artificiosamente piu’ fresco. Il consiglio di Coldiretti e’ quello di diffidare sempre dei prezzi troppo bassi e di rivolgersi direttamente ai produttori nelle fattorie o nei mercati contadini di Campagna amica.