Formazione “on the job”: un continuo migliorarsi

31

I Giovani Imprenditori della Campania, in collaborazione con il gruppo Piccola Industria di Confindustria Campania, promuovono una giornata formativa “on the job” per approfondire le dinamiche della filosofia del miglioramento continuo, I Giovani Imprenditori della Campania, in collaborazione con il gruppo Piccola Industria di Confindustria Campania, promuovono una giornata formativa “on the job” per approfondire le dinamiche della filosofia del miglioramento continuo, del percorso che procede con costanza ininterrotta, a piccoli passi, e che coinvolge l’intera struttura aziendale con un focus sul settore manifatturiero, data la centralità del suo ruolo nell’ambito dell’economia territoriale e nazionale. In collaborazione con il Kaizen Institute, organizzazione mondiale chesi occupa dell’approccio Kaizen alle organizzazioni aziendali e l’Università degli Studi di Salerno, il seminario in programma domani tratterà l’approccio Kaizen in campo manifatturiero mostrandone i benefici nella sua applicazione pratica ad un processo produttivo di ampia scala come quello della Cooper Standard Automotive Italy (Battipaglia- SA), presso cui il seminario avrà luogo, che lo ha implementato nel corso di un avvincente processo di innovazione. A chiudere il seminario l’intervento di Nunzia Petrosino, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori della Campania. Tra i relatori anche Alfredo Lambiase – Università degli Studi di Salerno – e Carlo Ratto – Kaizen Institute – . Una delle definizioni più’ famose di kaizen parla di “Piccoli miglioramenti incrementali continui, al processo o al prodotto, che coinvolgono tutti, senza dover spendere troppi soldi. Questi interventi di miglioramento non devono assolutamente interferire con l’ordinariacontinuità”. Il Kaizen prevede l’eliminazione pressoché totale del margine di errore all’interno del ciclo produttivo attraverso la costante previsione della presenza dell’errore e il tempestivo intervento su di esso. In tale visione, gioca un ruolo fondamentale anche il principio di responsabilità individuale e un atteggiamento proattivo, nell’ambito della propria sfera di competenza, di ogni singolo componente del ‘meccanismo’ produttivo.