Forza Italia a Ischia: Partito unito pronto per governare

27

“Sono venuto oggi molto volentieri. E’ importante ribadire il concetto di partito unito in previsione delle prossime elezioni che ormai con la legge elettorale approvata si svolgeranno presto. Siamo centrali e sta a noi il compito di raccogliere il consenso ancorato. I nostri valori liberali fanno parte della nostra storia”. Lo dice Paolo Romani parlando alla convention di Forza Italia, a Ischia, dove oggi interverrà Silvio Berlusconi. “Intanto grazie subito ai 120 attivisti e collaboratori che stanno rendendo straordinaria questa giornata di riflessione e programma, complice anche una condizione climatica primaverile. Tre tavoli tematici, 19 relatori, 205 minuti di dibattito, 860 pasti serviti – osserva soddisfatto Paolo Russo – insomma una macchina organizzativa che sta dimostrando, accanto alla profondità dei temi, come la classe dirigente campana di Forza Italia ha tutte le carte in regola per porsi ai vertici del partito nazionale guidato dal presidente Berlusconi”. Per Antonio Pentangelo “c’è un grande ritorno di fiamma: anche chi aveva abbandonato Forza Italia si è reso conto che la sinistra non ha nessuna capacità di governo e che i temi del lavoro, dell’immigrazione, delle pari opportunità, per citarne alcuni, sono temi nostri sui quali abbiamo una visione chiara e soluzioni concrete a differenza della sinistra che fino ad oggi ne ha fatto solo oggetto di chiacchiere”. “C’è grande entusiasmo, capacita organizzativa. Oggi c’è davvero una grande mobilitazione. Siamo pronti – dice Fulvio Martusciello – a marciare per la conquista del Paese”. Da Ischia, a giudizio di Amedeo Laboccetta “parte la vera marcia su Roma per liberare l’Italia dalla tirannia pauperista dei governi abusivi. C’è una grande voglia di riscatto e non è un caso che si riparta dalla Campania, dal Sud con una manifestazione unitaria dell’unico partito nazionale che può candidarsi a guidare il Paese”. Infine, per Mara Carfagna “Forza Italia è in campo da nord a sud per costruire un programma di governo credibile. Partecipazione e mobilitazione dimostrano sono tornati entusiasmo e speranza, che siamo davvero ‘Pronti per governare'”