Forza Italia, abusivismo: al via l'”Home tour” per spiegare le ragioni del ddl

67

In camper per spiegare le ragioni del ddl abbattimenti. Si chiama “Home tour” l’iniziativa lanciata da Forza Italia, decisa dopo il rinvio in Commissione del Ddl abbattimenti. “Si partirà con un camper per spiegare comunque che noi riteniamo che la casa sia un bene vitale, essenziale per ogni famiglia”. A parlare dell’iniziativa Paolo Russo, parlamentare di Forza Italia e coordinatore del partito a Napoli. “Il provvedimento che è stato affossato dal Pd alla Camera riguarda la priorità negli abbattimenti – dice – Noi abbiamo ragionevolmente indicato che prima di abbattere la casa della povera gente, giacché ogni anno si abbattono più di 100 abitazioni, occorre provare ad abbattere le costruzioni abusive che sono pericolose, costruite in aree ad alto rischio idrogeologico, sismico, quelle che rappresentano un danno per la tutela del bene in quanto tale, quelle di proprietà della camorra”. “Una provvedimento di buon senso – spiega – che gradua soltanto gli abbattimenti, nulla a che vedere con condoni o sanatorie”. “Scatta sempre la molla ideologica del Pd – ha aggiunto – che tra potenti e famiglie disagiate scegli i primi”. “Sono 70.000 le costruzioni oggetto di abbattimenti in Campania – dice – ogni anno se ne abbattono poco meno di 100 ci vorranno 700 anni”. “Nella norma che hanno affossato c’era un un fondo che avrebbe consentito di abbattere le abitazioni abusive -prosegue – quindi da parte del Pd c’è stato un atteggiamento infingardo, da voltafaccia”. “Gran parte di questi immobili sono abusivi perché i cittadini campani non hanno potuto usufruire del condono del 2003, bloccato da una legge regionale di Bassolino, poi ritenuta incostituzionale – conclude – Bassolino oggi plaude all’iniziativa del Pd che ha affossato questo provvedimento, ma vorrei che ricordasse che la sua norma è stata dichiarata incostituzionale”