Se fossimo più educati, come Salvini ci vuole, avremmo votato allo stesso modo?

323
in foto Matteo Salvini

Anziché commentare ciò che hanno realizzato, annunciano ancora il programma promesso in campagna elettorale. Si conferma l’abolizione della legge Fornero e la riduzione delle tasse. La Lezzi parla di notevoli investimenti al Sud. Il premier annuncia per settembre sfide importanti. Il M5S assicura il reddito di cittadinanza. Ma ci sono due sorprese non annunciate. Un premio per chi insulta i Rom. E per completare la nostra educazione, si prevede qualche mese di leva militare per i giovani e di servizio civile per le ragazze. Però, soltanto per gli italiani. Ora sì che siamo soddisfatti!

Niente migranti, solo italiani, indirizzare le domande a caporalato@gmail.com

Ecco l’indirizzo dell’azienda di raccolta pomodori. Lo hanno richiesto in molti appena appreso dei decessi, che per fortuna hanno liberato 16 posizioni che erano sottratte agli italiani. Affrettatevi, prima che li attribuiscano di nuovo a stranieri. Contratti a tempo indeterminato, come previsto dal decreto dignità. Lauto stipendio. Alloggio in eleganti bungalow, compresi vitto e trasporti confortevoli. Due giorni di riposo settimanale. Al prossimo incidente saranno accontentati altri giovani volenterosi finora esclusi dal diritto al lavoro per privilegiare i negri che se la spassavano.

Meno male che il Sud è trascurato

Al Nord crollano i ponti. Decine di morti. Miliardi di danni. In Italia le tragedie sono sempre immani, come pure la figuracce di fronte al mondo. Giù da noi, invece, non possono succedere. Opere così grandiose non esistono nemmeno. Siccome non piove, le poche che ci sono non rischiano di bagnarsi. Anzi, per evitare imprevisti, se cede un’autostrada non si ripara più. Adesso sorge un dilemma. Conviene assicurare alle strutture ancora in piedi una migliore manutenzione o assicurare i responsabili alla giustizia? L’ISIS propone aiuti. No , grazie. Facciamo da soli.

L’uomo è bravissimo a innalzare muri, ma non a proteggere i ponti

Da un po’ di tempo la natura si sente sfidata. Ecco perché si allea col mediocre e diventa complice delle disgrazie. La terra, che crediamo inanimata, si muove, invece, come nei cartoni di Walt Disney. Sconvolge i progetti dell’uomo e lo punisce per l’arroganza e la presunzione di poterla manipolare credendola immota. A farne le spese è sempre chi in apparenza non c’entra, ma sceglie, compra, vota. Determina, così, il trend che in questo momento è proprio di merda in tutte le direzioni e latitudini. Quindi, il presunto innocente è in gran parte responsabile di ciò che accade.

I ponti costruiti da Mussolini non crollavano

Neppure quelli dei romani. Gli aerei a quell’epoca non cadevano. C’erano molti altri modi, non casuali, per morire. Se oggi crolla il viadotto di Genova la politica cerca un colpevole non il rimedio. Se sale lo Spread, sono i poteri occulti a manovrare. Se non si ristrutturano le scuole o altre opere pericolanti è l’Europa a impedirlo con le sue regole anti italiane. Quando fu svalutata la lira turca, Erdogan accusò gli USA di complotto. “Loro – disse – hanno il potere, noi Allah”. Chi è spergiuro, come noi, non può nemmeno contare su Dio, che è sicuramente indignato.

Oggi chi si dice credente, ne sa più del Vangelo

Un tempo ce la prendevamo con la sinistra, che, grazie anche a subdoli manipolatori, è scomparsa. Bei tempi andati. Bastava demonizzare i comunisti per vincere le elezioni. Ora, non abbiamo programmi credibili e neppure nemici. Anche loro sono scomparsi. Grazie a Dio si è prestato il Papa con le sue sacre ma desuete scritture che ricordano di non rubare, non dire il falso, amare il prossimo. Roba da bigotti che nessuno si decide di aggiornare e di cui non si tiene più conto. Non sarà facile ma, contando sulla credulità degli elettori, ce la faremo lo stesso. A mare il prossimo.