Fotografia, business da 6,5 miliardi l’anno: Napoli terza per numero di imprese

35

Sono 26.181 le imprese attive nei settori legati alla fotografia che danno lavoro a oltre 54 mila addetti e superano per ricavi i 6,5 miliardi di euro. Settore abbastanza stabile tra 2016 e 2017. Prima per numero di attività è Milano (1.799) seguita da Roma (1.786), Napoli (1.596), Torino (1.015) e Bari (831). Tra i primi venti territori in Italia altre due lombarde, Brescia (10°) e Bergamo (17°). Per addetti nel settore, dopo Milano che è prima con quasi 8 mila, vengono Bologna (circa 4 mila), Roma (oltre 3 mila) e Napoli (quasi 2.500). Secondo i dati elaborati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi quasi una nuova impresa su due nata nel 2017, il 48% a Milano (28 su 58), il 47% in Lombardia (84 su 180) e il 43% in Italia (417 su 973) è giovane contro un peso che considerando le imprese attive nel settore è rispettivamente del 8%, 9% e 10%. Crotone, Vibo Valentia, Verbania, Oristano, Caltanissetta, Enna, Rovigo, Agrigento e Pescara i territori dove le imprese giovani pesano di più sulle start-up con oltre l’80% delle iscrizioni registrate nel 2017 nel settore. Tra le lombarde, Lodi è la prima con il 67%. Le imprese femminili sono il 22% delle iscrizioni del 2017 contro il 19% delle imprese attive in Lombardia e il 26% contro il 22% in Italia mentre le imprese di stranieri pesano l’8% delle nuove imprese contro il 4% delle imprese attive sia a livello nazionale che regionale. Trieste, La Spezia, Oristano e Viterbo in Italia e Mantova in Lombardia i territori dove le imprese femminili pesano di più sulle nuove iscrizioni, Ferrara, Messina e Siena in Italia e Lecco in regione quelli con più titolari nati all’estero tra le neo-imprese. Si concentra a Milano il settore fotografico italiano: da sola pesa il 7% delle imprese attive nel settore (1.799 su un totale nazionale di oltre 26 mila), il 14% degli addetti (circa 8 mila su un totale di 54 mila) e oltre il 50% dei ricavi (3,7 miliardi su 6,5). I giovani pesano il 48% delle imprese iscritte nel 2017 e l’8% di quelle attive. In aumento anche il peso di stranieri (il 12% delle imprese nate nell’ultimo anno contro il 6% delle imprese attive) e donne (17% contro 16%).