Fotografia, a Napoli una mostra dedicata a Che Guevara

48
in foto Che Guevara

Sarà inaugurata il prossimo 29 ottobre a Napoli, alla presenza del sindaco Luigi de Magistris, con un incontro pubblico nella Sala del Capitolo del Complesso di San Domenico Maggiore, alle ore 17, la mostra fotografica “I viaggi e i libri di Ernesto”. Un’esposizione di foto inedite provenienti dagli archivi privati della famiglia Guevara e dagli archivi CelChe, il centro studi nato nel 2011 a Rosario, Argentina, la città che diede i natali al Che. La mostra è nata con lo scopo di liberare dagli stereotipi la figura del Che, per farla conoscere in tutta la sua ricchezza e complessità, presentando l’Ernesto viaggiatore, intellettuale, amante della letteratura e della fotografia, prima ancora che uomo d’azione e politico. La prima sezione “Instancabile lettore” ci introduce al rapporto tra Ernesto ed i libri, in cui, per esempio, era solito rifugiarsi durante i giorni in cui era costretto a letto a causa delle crisi d’asma. Conosceremo un Ernesto maniaco dell’organizzazione e pignolo, che fin da piccolo iniziò a catalogare le sue letture, registrando metodicamente tutti i libri letti e quelli da leggere. La seconda sezione “I viaggi di Ernesto” racconta, attraverso le sue fotografie ed i diari, i viaggi in America Latina, con aneddoti e riflessioni sui paesaggi e le esperienze vissute. E’ in questi scritti che va ricercato lo sviluppo del suo pensiero politico e sociale. I libri prima ed i viaggi poi sono state esperienze determinanti nella trasformazione di Ernesto nel rivoluzionario “Che” che comparirà qualche anno dopo. La mostra, ideata dal CelChe – Centro de Estudios Latinoamericano Ernesto Che Guevara è organizzata dalla Fondazione MidA in collaborazione con l’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli. L’ingresso è gratuito.