Fotovoltaico: cambiano gli aiuti

20

Entro le 23 del 30 novembre 2014 vanno presentate le domande per esercitare l’opzione di rimodulazione delle tariffe incentivanti per gli impianti di produzione di energia elettrica da fotovoltaico di potenza Entro le 23 del 30 novembre 2014 vanno presentate le domande per esercitare l’opzione di rimodulazione delle tariffe incentivanti per gli impianti di produzione di energia elettrica da fotovoltaico di potenza superiore a 200 kW. Le istruzioni operative sono state pubblicate nel sito del Gestore dei Servizi Elettrici (Gse). In particolare, i titolari degli impianti potranno scegliere fra tre opzioni, ai sensi dell’articolo 26 della legge n. 116 del 2014 (cosiddetta Legge sulla Competitività). Una prima possibilità è che la tariffa venga erogata in 20 anni, rimodulata definendo un primo periodo di fruizione di un incentivo ridotto rispetto all’attuale, seguito da un periodo con l’agevolazione incrementata in egual misura, in base a quanto previsto dal decreto 17 ottobre 2014 del Ministero dello Sviluppo economico. Una seconda possibilità sta nello scegliere una tariffa erogata sempre per 20 anni, ma ridotta alla data del primo gennaio 2015 per la durata residua del periodo di incentivazione, in base alle seguenti percentuali: 6 per cento per gli impianti aventi potenza nominale superiore a 200 kW e fino alla potenza nominale di 500 kW; 7 per cento per gli impianti aventi potenza nominale superiore a 500 kW e fino alla potenza nominale di 900 kW; 8 per cento per gli impianti aventi potenza nominale superiore a 900 kW. Nel caso che il soggetto titolare dell’impianto non eserciti il suo diritto di opzione entro la scadenza del 30 novembre, il Gse applicherà automaticamente questo secondo meccanismo di rimodulazione della tariffa. Vi è, peraltro, una terza possibilità. Si può infatti scegliere anche di fruire della tariffa incentivante per 24 anziché 20 anni. In tal caso, la tariffa sarà ridotta in misura inversamente proporzionale alla durata del periodo residuale, riferendosi anche qui a delle apposite percentuali. Ad esempio, se il periodo residuo è di 12 anni, la percentuale di riduzione dell’importo è pari al 25%. Se è di 13 anni, è del 24%, se è di 14 anni, è del 22% e così via, fino a calare al 17% per i periodi residuali superiori a 19 anni. La comunicazione dell’opzione da parte del soggetto interessato può essere effettuata esclusivamente avvalendosi dell’applicazione web Ftv/Sr del portale informatico Gse. Sono coinvolti tutti i titolari di impianti fotovoltaici che beneficino dei meccanismi agevolativi di cui ai decreti ministeriali inerenti il Conto Energia (dal primo fino al quinto Conto), di potenza nominale incentivata superiore a 200 kW.