Francia, Salvatore Ferragamo fra le 32 aziende che hanno aderito al Fashion Pact

23
Ferragamo在虹桥2号航站楼

Salvatore Ferragamo conferma il proprio commitment in tema di sostenibilità ambientale aderendo al Fashion Pact che vede 32 primarie Aziende della moda e del tessile unite per stabilire obbiettivi pratici e concreti per ridurre l’impatto ambientale di questo importante settore industriale. L’Amministratore Delegato di Salvatore Ferragamo, Micaela le Divelec Lemmi, ha partecipato insieme ai rappresentanti dei 32 marchi firmatari del Fashion Pact ad un incontro all’Eliseo con il Presidente francese Emmanuel Macron, che presenterà l’iniziativa nell’ambito del G7 di Biarritz, in programma dal 24 al 26 agosto. “Siamo orgogliosi di aver aderito a questa iniziativa; grazie al Fashion Pact, infatti, per la prima volta diversi importanti attori del settore della moda potranno unire le proprie forze per affrontare in modo concreto le principali sfide ambientali del nostro secolo – ha commentato Ferruccio Ferragamo, Presidente di Salvatore Ferragamo. – Soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri è una grande sfida che ci deve vedere tutti coinvolti.” Le iniziative previste dal Fashion Pact si ispirano alle linee guida del Science Based Target (STB) e si concentreranno su tre aree fondamentali per la salvaguardia del Pianeta: fermare il riscaldamento globale con la creazione e l’implementazione di azioni per raggiungere l’obbiettivo zero emissioni di gas serra entro il 2050; ripristinare la biodiversità salvaguardando gli ecosistemi naturali; ridurre gli impatti negativi dell’industria della moda sugli oceani attraverso iniziative pratiche quali ad esempio la riduzione graduale dell’utilizzo di materie plastiche monouso.