Francia, un’italiana tra i finalisti dell’European Inventor Award 2019: suo il brevetto svela-cancro

75

E’ nella rosa finale dell’European Inventor Award 2019, per avere sviluppato un nuovo esame del sangue per la diagnosi precoce del cancro. “Già il fatto di essere selezionata come finalista è francamente un riconoscimento insperato. Il brevetto ha un campo di applicazione enorme”. Commenta così all’Adnkronos Salute Patrizia Paterlini-Bréchot, oncologa italiana residente in Francia, la notizia della sua candidatura tra i finalisti della categoria ‘Ricerca’ per il premio promosso European Patent Office. Paterlini-Bréchot è professoressa di Biologia e Oncologia cellulare- molecolare all’Università Parigi Descartes. Sono oltre 475 le proposte di inventori arrivate all’Ufficio europei dei brevetti (Epo). I vincitori dell’edizione 2019 saranno annunciati a Vienna nel corso di una cerimonia di premiazione il prossimo 20 giugno. Per trasformare la ricerca in brevetti che possano arrivare a cambiare la vita delle persone e aiutarle nella lotta contro il cancro “occorrono scelte strategiche, perché questo è un percorso lungo e costoso” aggiunge l’oncologa.
“In Francia dal 1999 – aggiunge – c’è la legge sull’innovazione che ha permesso ad inventori, che sono degli impiegati nell’università e istituti pubblici, come me, di depositare brevetti sapendo che la proprietà appartiene all’istituto, ma se il ricercatore crea una società questa ha una licenzia in esclusiva. Questo meccanismo è stato reso omogeneo in tutta la Francia e ha dato tanti risultati”. “La ricerca che abbiamo sviluppato ha la capacità di svelare nel sangue i deboli segnali della presenza di un tumore – ricorda Paterlini-Bréchot – Il brevetto permetterà sicuramente di identificare precocemente i tumori tramite un’analisi del sangue. Questo avverrà non nell’immediato, perché servono ancora altre ricerche e altri fondi, ci vuole ancora del tempo. Ma la strada è segnata perché la validazione scientifica del brevetto è forte e sappiamo che arriveremo a svelare i tumori”. Alla domanda sulla possibilità di rientrare in Italia per proseguire le sue ricerche, la scienziata non chiude nessuna porta: “Per il momento non c’è stata nessuna offerta, ma il mio Dna è italiano…”, conclude.