Franco Porzio e Maria Luisa Iavarone, crowdfunding per il Loreto Mare di Napoli: raccolti 50 mila euro 

108

Un assegno da 50 mila euro sarà donato all’Asl Napoli 1 Centro come sostegno alla sanità napoletana chiamata ad uno sforzo eccezionale per fare fronte all’emergenza Covid-19. La somma è stata raccolta grazie all’iniziativa di crowdfunding #NoiAbbiamoCuraDiChiHaCura realizzata dal campione olimpico e presidente dell’APS Acquachiara, Franco Porzio, e da Maria Luisa Iavarone, presidente dell’associazione A.R.T.U.R, che hanno deciso di destinare la somma raccolta in favore dell’ospedale Loreto Mare per l’allestimento della terapia intensiva. “Il motivo per il quale abbiamo scelto di destinare i nostri sforzi a questa realtà sanitaria – affermano Iavarone e Porzio – è perché crediamo sia utile potenziare soprattutto quelle realtà strutturalmente più deboli che, come il Loreto Mare, fanno da cerniera tra periferie interne ed esterne della città, anche allo scopo di restituire a quel territorio il suo presidio sanitario di riferimento i cui segni di sofferenza sono palesi”. La somma di 50mila euro è stata raggiunta grazie ad una duplice modalità: la piattaforma gofund e un conto corrente dedicato. Oltre 500 i donatori che hanno scelto di sostenere lo sforzo dell’ASL Napoli 1 Centro. L’assegno verrà consegnato nelle mani del direttore generale dell’ASL Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva, venerdì 15 maggio ore 11 all’ospedale Loreto Mare. “In questi mesi difficili – dice Verdoliva – i cittadini hanno dimostrato di avere un grande cuore sostenendo i nostri sforzi con raccolte fondi, donazioni ma anche con tante lettere di incoraggiamento e di ringraziamento per il lavoro svolto”. “Oggi il virus fa un po’ meno paura, ma il nostro compito è quello di continuare a lavorare senza distrarci e predisporre tutto affinché eventuali nuovi focolai non si traducano nella perdita di vite umane”, conclude.