Fredrik Eklund: dalla musica al successo nel Real Estate

89
in foto Fredrik Eklund

Fredrik Eklund, tra i più grandi investitori immobiliari al mondo, racconta: “Il motivo del mio successo? Lavorare più degli altri”.

L’investitore americano di origine svedese, ha venduto proprietà per un valore di 4 miliardi di dollari in soli 10 anni di attività e nel suo portfolio clienti annovera alcune tra le più grandi star di Hollywood. Secondo Forbes, oggi il suo patrimonio è di 30 milioni di dollari.

Nonostante lo straordinario successo, Fredrick non dimentica le sue origini, quando dalla Svezia approdò a New York con tanti sogni ma pochi soldi:

“Nella mia vita non avevo mai fatto un affare immobiliare. Ho iniziato solo perché alcuni amici mi hanno detto che sarei potuto essere un buon venditore”.

In questo articolo ti raccontiamo la sua storia e riportiamo alcuni saggi consigli che Fredrik ha rivelato in ‘The Sell’, il suo bestseller.

Primi tentativi d’impresa in Svezia

Frederik Eklund dimostra fin da giovanissimo la sua passione per il business e per il “rischio”. Si mette in proprio già dal suo primo anno di studi in Economia a Stoccolma. La sua prima startup si chiama “Humany” e sviluppa un software per facilitare le relazioni tra aziende e clienti, ma si rivela un vero flop.

La medesima sorte tocca alla sua seconda startup, “Cave Entertainment” che opera nel settore musicale, molto promettente in Svezia (basta pensare che Spotify è natia proprio della terra scandinava). Anche questo progetto non raggiunge le aspettative e dopo un modestissimo successo in America Latina e Giappone, è costretta alla chiusura. A tal proposito Fredrick, in “The Sell”, scrive:

«Le persone di successo sono quelle che sanno fallire bene».

Alla conquista dell’America

Deciso a rivoluzionare la sua vita, nel 2004 Fredrik fa le valigie e parte per Manhattan in cerca di fortuna.  L’ambientamento non si rivela facile. Trova sistemazione in un appartamento con altre tre persone e per pagarsi l’affitto vende panini in un fast food sotto casa.

Uno dei suoi amici più cari amici gli suggerisce di provare nel settore immobiliare: secondo lui, Fredrik ha tutte le caratteristiche per diventare un ottimo venditore. Fredrick decide di dargli ascolto e sarà la scelta giusta.

Dell’immobiliare non sa ancora nulla perciò frequenta un corso per agenti immobiliari che lo porterà a conseguire la licenza.

Il suo debutto nel Real Estate avviene nel 2005 e la prima agenzia immobiliare che crede in lui è la JCDeNiro, un gruppo diretto da Jack DeNiro, zio del famoso attore Robert.

Fredrik si ambienta immediatamente nel nuovo contesto. Nel giro di pochi anni vende immobili per un valore complessivo di 50 milioni di dollari ed entra a far parte dell’esclusiva Real Estate Board of New York, una delle più potenti lobby dell’immobiliare negli Stati Uniti, operativa dal 1896.

“Lavoravo 85 ore alla settimana e sono stato uno dei primi a utilizzare gli strumenti del web per velocizzare il lavoro. Quando ho iniziato, gli annunci immobiliari venivano ancora trasmessi via fax”.

Anche se con JCDeNiro ottiene ottimi risultati e guadagni (solo nel 2006 vende appartamenti a New York per 200 milioni), Fredrik decide di seguire nuovamente la sua inclinazione al rischio, lascia il posto sicuro e si lancia in una nuova avventura, una società immobiliare chiamata Core.

È questa l’ultima esperienza prima di mettersi in proprio con la sua azienda con cui oggi domina il mercato del real estate newyorchese. La sua impresa oggi conta su 50 dipendenti e negli ultimi anni ha spesso superato il miliardo di fatturato.

 

in foto Fredrik Eklund


Lo star system

Ricorda Fredrick: “Il miglior consiglio su come vendere me lo ha dato mia madre. Un giorno mi ha detto di non pensare a quello che mi manca e di contare sui miei punti forti: un gran sorriso e una buona personalità”.

L’imprenditore si distingue, sin dal primo momento, per l’autenticità con cui si avvicina ai potenziali compratori:

«Ho sempre voluto che mi considerassero una persona, non un broker».

E l’autenticità paga: in breve tempo, Fredrik diviene il venditore preferito dello star system: Jessica Alba, Ben Stiller, Jennifer Lopez, Daniel Craig, sono solo alcuni dei vip che hanno scelto di fare affari con lui.

Oltre all’autenticità, un altro tratto distintivo di Fredrick è lo stile, infatti ha dichiarato al New York Times: «Penso che un uomo di successo debba investire il 10% dei suoi ricavi in vestiti», cui ha anche confessato di spendere più di 300 dollari al mese solo dal barbiere.

Star televisiva

Lo stile e l’abilità di comunicatore di Fredrick hanno attirato rapidamente l’attenzione dei media americani. È nato così uno show molto popolare in USA, “Million Dollar Listing New York”, una serie di cui Fredrik è protagonista, giunta alla settima stagione, nella quale racconta la sua vita e le sue operazioni.

L’imprenditore tramite tv, social e libri offre consigli utili ai giovani investitori che vogliono emulare il suo successo. Eccone alcuni che abbiamo raccolto e desideriamo condividere con te:

  1. “Le persone vogliono fare business con chi gli sta simpatico”. Fredrik nel libro ‘The Sell’ racconta che per lui fare affari non è lavorare su un prodotto, ma migliorare se stessi per piacere agli altri: “Il tuo lavoro è farti amare dalle persone”.
  2. “Non dare agli altri quello che vogliono subito”. L’imprenditore è anche un esperto di tecniche di negoziazione e, in un articolo su Business Insider, svela che per “tenere sotto controllo” i suoi interlocutori durante una compravendita fa crescere in loro il desiderio: “Quando devo dirgli il prezzo di un immobile che vogliono comprare, li faccio attendere qualche ora. Questo fa crescere in loro il desiderio di quella proprietà che voglio vendere loro”.
  3. “Usa la leva dell’urgenza”. Fredrick consiglia ai venditori di immobili di mettersi sempre nei panni degli altri. “Quello che vogliono spesso coincide con quello che vuoi tu. La tua abilità è nel fargli capire che la tua offerta è la migliore che possano ricevere. Come? Usa la leva dell’urgenza. Più sapranno che rischiano di non poter avere qualcosa, più la vorranno”.
  4. “Chi ha successo sa che può scappargli via da un momento all’altro”. Secondo Fredrik Eklund la paura di poter perdere tutto è la principale molla che porta un imprenditore a migliorare costantemente se stesso e la sua azienda.