Fs, celebrazioni a Portici per il 110° anniversario della Polfer

294

Nell’ambito delle celebrazioni per il 110esimo anniversario dell’istituzione della Polizia Ferroviaria, si e’ svolto un convegno sulla sicurezza ferroviaria dal titolo “Le stazioni ferroviarie: architetture sociali dove arte, funzionalita’ e sicurezza si incontrano”, presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, a Portici. L’incontro, organizzato da Polizia di Stato e Ferrovie dello Stato Italiane, ha costituito un’occasione di confronto e dibattito sulla complessita’ e le nuove sfide poste dallo scenario ferroviario, profondamente cambiato nell’ultimo decennio e in continua evoluzione. Al centro del convegno cosa sono e cosa rappresentano le stazioni oggi, sia nell’immaginario collettivo e mediatico sia secondo i dati reali. I numeri, come e’ stato sottolineato nel corso del convegno, descrivono “stazioni sicure grazie ad un impegno significativo nelle attivita’ di prevenzione e controllo del territorio: 165.835 i servizi di vigilanza ordinari dall’inizio dell’anno, 1.710 quelli straordinari per un totale di 913.819 controlli effettuati dalla Polizia Ferroviaria. La sicurezza e’ concretamente espressa dal calo generalizzato dei reati in ambito ferroviario: in particolare i furti nelle stazioni hanno fatto registrare negli ultimi anni un costante decremento (-7% nel 2015, -29% nel 2016, con un’ulteriore -5% nell’ultimo quadrimestre)”. Dopo i saluti iniziali di Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, di Orazio Iacono, amministratore delegato di Trenitalia, e di Roberto Sgalla, direttore centrale delle Specialita’ della Polizia di Stato, la discussione, chiusa dall’intervento del capo della Polizia, prefetto Franco Gabrielli, ha visto alternarsi Armando Nanei, direttore del Servizio Polizia Ferroviaria, Mario Morcellini, commissario Agcom-Consigliere della Comunicazione, Sapienza Universita’ di Roma, Tiziana Coccoluto, vice gabinetto vicario Mibact, Franco Fiumara, direttore Protezione Aziendale di FS Italiane ed Antonio De Iesu, Questore di Napoli.