Fumo, Università Ottawa: alternative a basso rischio possono cambiare salute pubblica

20

Roma, 11 giu. (Adnkronos Salute) – “I consumatori in molti paesi tra cui Svezia, Norvegia, Islanda e ora il Giappone hanno dimostrato di passare alle alternative alle sigarette quando ne hanno la possibilità. Immaginiamo cosa accadrebbe se le persone avessero accesso a una vasta gamma di alternative a basso rischio rispetto alle sigarette e se potessero ottenere informazioni sul rischio relativo e se potessero essere spinti verso tali opzioni attraverso una regolamentazione intelligente e proporzionata al rischio”. E’ la riflessione di David Sweanor, del Center for health law, policy and ethics dell’Università di Ottawa, tra i relatori del ‘Global Forum on Nicotine’ (Gfn20) che si apre oggi e si svolge quest’anno online. Il tema dell’edizione 2020 è ‘Nicotina: scienza, etica e diritti umani’.