Futuro e sostenibilità nei progetti del concorso ‘Energie per Napoli’

9

Napoli, 16 dic. – (Adnkronos) – La Napoli del futuro, declinata secondo i criteri di sostenibilità nei settori dell’energia, del turismo e dei trasporti, protagonista del concorso di idee “Energie per Napoli” indetto da Q8 e UNiParthenope con la collaborazione di AdnKronos e il partenariato della Confcommercio napoletana. Ben dodici gli studenti premiati con una borsa di studio individuale di 500 euro, risultati vincitori con i propri gruppi e con i propri progetti nell’ambito della kermesse.

“E’ stato un progetto davvero entusiasmante- ha dichiarato Livio Livi, direttore del personale di Q8 Petroleum Italia – che abbiamo vissuto insieme a un gruppo di ragazzi veramente bravissimi con una grande università che è la Parthenope e che è riuscita a dare l’opportunità agli studenti di tirare fuori tutte le loro energie, tutte le loro idee per avere una visione di Napoli del futuro. Q8 ha nel suo DNA l’innovazione e quindi promuove e cerca di valorizzare tutti i progetti che abbiano nell’innovazione e nella visione futura del territorio il loro tratto distintivo”.

“Napoli è la casa di Q8 da ottant’anni oramai – ha aggiunto – e ha vissuto con questa comunità tanto sviluppo e ha dato tanto al territorio e dal territorio ha ricevuto tanto. Noi crediamo che saremo ancora protagonisti e daremo ancora tante opportunità di percorsi tecnico-scientifici, di professionalità all’interno di questo territorio, e quindi noi crediamo che Q8 e Napoli siano un tandem vincente anche per il futuro”.

L’importanza delle joint venture tra imprese e università nelle parole di Alberto Carotenuto, rettore di UniParthenope. “Come ho avuto modo di dire ai partecipanti questa è una palestra per poter cominciare ad allenarsi per il futuro perché è molto importante che in questo momento gli studenti si basino esclusivamente sulle loro forze, sulle loro idee, per poter trovare poi una collocazione nel mondo del lavoro”.

“Per una università come la nostra – ha dichiarato Luigi Moschera, prorettore alla Terza Missione di UniParthenope – è prioritario non solo diffondere una cultura dell’imprenditorialità all’interno dei nostri corsi di studio, ma è ancora più importante la relazione con l’esterno, con il mondo delle imprese, sia per gli studenti che vedono nelle imprese un soggetto ipotetico di sbocco per la loro carriera post laurea ma anche come occasione di stimolo e di diffusione e contaminazione delle conoscenze che possono essere utili a loro per creare impresa.”

Soddisfazione è stata espressa da Massimo Vernetti, presidente di Confcommercio Napoli. “Diciamo che si è avverato uno dei miei sogni, quello di unire cultura, quindi università, con il mondo del lavoro, il mondo dell’energia, per fare in modo che si sviluppasse questo workshop, questo lavoro che abbiamo visto oggi. Non c’è dubbio, Confcommercio racchiude, energia, turismo con il settore alberghiero, trasporti quindi siamo più che interessati agli argomenti perché siamo sicuri che con questi giovani, con queste energie, anche con queste idee innovative, direi anche geniali, avremo dei valori aggiunti che dobbiamo sviluppare.”