Futuro Remoto, esperti a confronto su ambiente, agricoltura e salute

64
 
Campania, Sicilia e Calabria insieme per coordinare la ricerca scientifica nel settore agroindustriale, l’obbiettivo è quello di unire le forze per gestire al meglio le considerevoli risorse dei fondi strutturali destinati all’agroindustria, un settore strategico e di vitale importanza per le regioni meridionali. Alla luce del prossimo bando Pon 2014-2020 “Ricerca e Innovazione” che prevede un budget complessivo di 1.286 milioni di euro per fare innovazione al Sud, è cofinanziato con risorse Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) e Fse (Fondo sociale europeo), prevede oltre 900 milioni che saranno investiti su infrastrutture di ricerca di cui 327milioni di €, dedicati ai cluster tecnologici (Asse II). Le parti scientifiche ed istituzionali si incontrano per discutere di come stimare azioni concrete, se ne parlerà venerdì 26 Maggio 2017 alle ore 16:30, presso il Circolo Artistico Politecnico sito in Piazza Trieste e Trento n. 0 a Napoli. Nel corso della tavola rotonda organizzata dal Cluster Pubblico Privato Mare dal titolo “Le vie dei campi: coltivare le connessioni per la crescita di ambiente, agricoltura e salute dell’uomo”, il contesto è quello della XXXI edizione di Futuro Remoto dal titolo “Connessioni”, che si terrà dal 25 al 28 maggio presso Piazza del Plebiscito.
Marea è un laboratorio pubblico privato affiancato dall’Università di Napoli Federico II, il Cnr il, Centro di Ricerca Economico Aziendale (Crea) ed un cluster di risorse industriali per la gestione di progetti di ricerca industriale ed internazionalizzazione nel ambito delle biotecnologie e l’agroindustria. Marea ha invitato all’evento le aggregazioni gemelle della regione Calabria e Sicilia. In particolare Linfa, pure patrocinata dell’Università di Napoli.  Agrifood ed Agroibiopesca della Regione Sicilia. Nel corso dell’evento verranno esposti i risultati conseguiti con i programmi presentati, ed in corso d’opera, in parte finanziati dai bandi Pubblici Nazionali e regionali.
L’evento si prefigura come una rilevante occasione di divulgazione dei progressi tecnologici e scientifici raggiunti dal sistema di ricerca, nonché come un importante momento di confronto in merito alle nuove sfide ed opportunità di sviluppo in abito agroindustriale, argomenti delicatissimi in considerazione delle opportunità e dei rischi offerti dai processi irrefrenabili della globalizzazione che rendono altamente competitivo il settore economico più importane delle economie del mezzogiorno d’Italia. 
I lavori scientifici avranno inizio dalle ore 16:30. Vi parteciperanno , Gianpaolo Varchetta, presidente di Marea Scarl, Anastasio Aniello, dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Giuseppe Campanile, dipartimento di Medicina veterinaria e Produzioni animali, Università degli Studi di Napoli  “Federico II”, Annunziata Campolattano, dirigente scolastico Istituto Francesco Saverio Nitti, Napoli, Sergio Bolletti Censi, direttore generale Cosvitec SCarl, componente Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare del Ministero  della Salute, Consigliere Laboratorio Pubblico/Privato Linfa, Antonino De Lorenzo, direttore della Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione, Università Degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Laura Di Renzo, docente di Scienze Tecniche Dietetiche Applicate, Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Barbara Immirzi, Istituto di Chimica Biomolecolare (ICB), Consiglio Nazionale delle Ricerche Cnr, Antonio Limone, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici, Mario Malinconico, Istituto per i Polimeri, Compositi e Biomateriali, Consiglio Nazionale delle Ricerche Cnr, Giorgio Matteucci, direttore dell’Istituto per i sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo Isafoam, Consiglio Nazionale delle Ricerche Cnr, Pasquale Mormile, Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti, Consiglio Nazionale delle Ricerche Cnr, Gianluca Neglia, dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Marco Poiana, presidente del Distretto Tecnologico Agroindustriale Agrifoodtech, Università Mediterranea di Reggio Calabria, Alberto Ritieni, dipartimento di Farmacia, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Andrea Sicari, chief technical officer Santa Rita Srl, consigliere Laboratorio Pubblico/Privato Linfa, Accursio Venezia, Crea, Consiglio di ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Francesco Vinale, responsabile scientifico del Progetto Linfa, Istituto per la protezione sostenibile delle piante, Consiglio Nazionale delle Ricerche Cnr, Silvia Nardelli, dirigente Ufficio II, Incentivazione e sostegno alla competitività del sistema produttivo privato e del pubblico/privato in ambito nazionale e internazionale, Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca.