Gaetano Mastellone riconfermato vice presidente dell’Osservatorio banche e imprese

86
in foto Gaetano Mastellone, vice presidente dell'Osservatorio banche e imprese

L’Assemblea dei soci dell’Obi, Osservatorio banche e imprese, riunitasi a Bari l’11 maggio 2018, ha riconfermato alla vice presidenza il sorrentino Gaetano Mastellone che è al suo terzo mandato. Michele Matarrese, che per ventidue anni ha guidato l’organismo come presidente resta in seno all’Osservatorio come presidente onorario.
Salvatore Matarrese, conosciuto ed apprezzato imprenditore edile e membro del sistema confindustriale in quanto già presidente dell’Ance Puglia (Associazione Nazionale Costruttori Edili), è stato nominato presidente.
Per il prossimo triennio 2018-2021 sono stati nominati consiglieri di amministrazione dell’Osservatorio Domenico Bianco, presidente Consorzio Asi Brindisi, Giuseppe Fragasso (Ance Bari e Bat), Raffaele Piemontese (assessore al Bilancio Regione Puglia), Elio Manti (Dipartimento Programmazione e Finanze Regione Basilicata) e Pietro Di Leo industriale lucano nel settore dei prodotti da forno. Riconfermato l’economista Antonio Corvino come direttore generale.
L’Osservatorio ha in cantiere diversi progetti. Realizzerà un rapporto sul credito e la finanza nel Mezzogiorno con l’obiettivo di porre l’attenzione delle istituzioni e dei mass-media sul rapporto banche-imprese nel Sud.
Inoltre è in programma la ricerca “Pi-Mez: Politiche e Impatti sul Mezzogiorno” in cui l’Obi realizzerà una nota di ricerca, a cadenza bimestrale, su temi di ricerca attuali e di grande rilevanza di volta in volta individuati dal Comitato Scientifico. L’obiettivo è dar voce al Mezzogiorno evidenziando alcune criticità e formulando proposte concrete di politica economica.
Sono previsti alcuni meeting territoriali di approfondimento sui dati elaborati dal gruppo di ricercatori Obi, che potranno tenersi in alcune città meridionali. A queste attività si aggiunge il progetto “Il Sud che ce la fa”, il cui obiettivo è elaborare una serie di percorsi attraverso delle interviste effettuate ad imprenditori meridionali, i quali sono riusciti, con intelligenza, innovazione ed intuito, ad arginare le mille difficoltà che uomini e donne d’impresa hanno incontrato ed incontrano nel loro cammino, e sono riusciti altresì a portare avanti idee di grande valore o ancora a salvaguardare attività imprenditoriali fondate da una o due generazioni precedenti, portandole al successo. Dall’analisi delle interviste si evincerà lo stato dell’arte della realtà economica imprenditoriale del Mezzogiorno che guarda al futuro, e ne scaturiranno alcune interessanti riflessioni sulle problematiche del Sud, partendo questa volta dalla realtà piuttosto che dalle teorie.
In sede di assemblea l’Osservatorio, per il prossimo triennio, ha riconfermato l’impegno a lavorare per una visione di sviluppo del Mezzogiorno nel contesto europeo e mediterraneo consolidando le collaborazioni sin qui acquisite con università, enti istituzionali, istituti di credito, e ricercatori.