Gafi, c’è il varo dopo l’ok alla fusione Nasce il più grande Confidi del Sud

69
 
Si è svolta martedì 11 luglio, presso la sede dell’Unione Industriali Napoli, l’assemblea dei soci di Garanzia Fidi Scpa, la prima dopo la fusione con Crc, autorizzata da Banca d’Italia, mediante la quale i due più grandi Confidi Confindustriali della Campania hanno dato vita al più grande soggetto di garanzia del Mezzogiorno. 
Garanzia Fidi Scpa è associata a Unione Industriali Napoli, che ha voluto fortemente questa aggregazione per assicurare alle imprese del territorio uno strumento più strutturato, agile e funzionale, in grado anche di ampliare l’offerta dei servizi alle Pmi. 
Dopo aver discusso e approvato i vari punti all’ordine del giorno, il presidente di Gafi Rosario Caputo e il presidente dell’Unione Industriali Napoli Ambrogio Prezioso hanno presentato a una folta e qualificata platea di imprenditori e professionisti la struttura del nuovo Confidi, che è rappresentativa di circa 4.000 aziende socie, per lo più operanti nella regione Campania, che esprimono circa 6 miliardi di fatturato complessivo e occupano circa 40.000 addetti. 
Gafi opererà attraverso i suoi 10 presidi territoriali tra la Campania, Puglia e Calabria, avvalendosi di 40 dipendenti e 40 banche convenzionate e sarà un vero punto di riferimento per Imprese e banche, assicurando loro un flusso di finanziamenti annuali di circa 300 milioni di euro e oltre 200 milioni di euro di garanzie. Ciò in ragione della propria eccedenza di capitale e di un favorevole indicatore patrimoniale, quale il Tier1 superiore al 22%. 
L’assemblea ha inoltre provveduto alla nomina del nuovo consiglio di amministrazione per il prossimo triennio, che risulta composto da: Rosario Caputo, Vittorio Genna, Eugenio Basile, Fabio De Felice, Salvatore Del Monaco, Giuseppe Di Gennaro, Catello Ianniciello, Angela Russo, Stefano Russo, Carlo Varricchio. 
Mentre il collegio sindacale è composto da Massimo Cortucci, presidente, Mauro Mastroianni e Domenico Ricciardi sindaci effettivi, nonché da Claudio Fogliano e Andrea De Rosa supplenti. 
Al termine dell’assemblea il neo consiglio di amministrazione si è riunito e ha confermato Rosario Caputo presidente ed eletto Vittorio Genna Vice Presidente. 
“Con la fusione – dichiara Ambrogio Prezioso, presidente di Unione Industriali Napoli – ci siamo mossi nella direzione indicata da Confindustria: la creazione di intermediari più strutturati e più efficienti che assicurino l’innescarsi di economie di scala. L’Unione, come auspicato da Confindustria, ha assunto un ruolo di stimolo in questo processo di aggregazione dei confidi, avendo sempre riguardo ai requisiti propri di questo tipo di strumento: la prossimità al territorio e la conoscenza diretta e approfondita delle imprese. Un ringraziamento va ad Antimo Caputo che, da presidente di Crc, ha saputo traghettare l’organismo con una gestione attenta e mirata all’obiettivo che ci eravamo prefissi”.