Gala, cinque stelle della danza per Alba Buonandi

130

Cinque stelle della danza internazionale sullo stesso palcoscenico per un omaggio a tre personaggi del passato ed uno del presente, la signora della danza Alba Buonandi. Quaranta primavere artistiche strette in un ideale abbraccio nel tempo, attraverso cinque primi ballerini provenienti da ogni dove e pronti ad interpretare alcuni tra i nomi più significativi del repertorio coreutico di tutti i tempi. In occasione del gala di danza in onore di Alba Buonandi al Teatro del Centro di Torre del Greco dal 14 al 16 novembre, sfiliamo i primi nomi e cognomi di una kermesse di settantadue ore in scena alle pendici del Vesuvio, su quel palco dove si sono esibiti in questi ultimi quarant’anni i vari Massimo Troisi, Lello Casagrande, Roberto De Simone, Peppe Barra ed i ballerini Attilio Cocco, Giovanna Spalice, Zarko Prebil, Loris Petrillo, Patrizia Manieri, Rita Romanelli, Carmen Panader e tanti altri ancora. Un parterre ideale per chi festeggia di danza come Alba Buonandi, in una galleria di immagini, persone, coreografie ed interpretazioni che sapranno rievocare infinite emozioni per il numeroso pubblico che ha anzitempo prenotato il proprio posto. Ma torniamo alle stelle di cui sopra. Delle cinque chiamate ad omaggiare in scena la signora Alba, ben tre sono elementi dell’immane vivaio del Centro di Danza che da quaranta lunghi anni domina il Viale Libia di Torre del Greco. Daniele Nocera, Candida Sorrentino ed Ivana Riccio rappresenteranno le vite di tre artisti di fama mondiale quali, rispettivamente, Vaslav Nijinsky, Anna Pavlova ed Isadora Duncan riuniti simbolicamente nella coreografia Tre vite per la danza di Alba Buonandi e Maria Zibina, regia di Manfredo Biancardi e costumi di Salvatore Russo. Daniele Nocera, quinto fratello di un’intera famiglia impegnata nella danza, è il Nijinsky di queste serate. Già solista al Balletto delle Fiandre, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro dell’Arena di Verona, Massimo di Palermo ed Opera di Nizza, Daniele Nocera ha avuto l’opportunità di esportare in tutta Europa il marchio di fabbrica del Centro di Danza di Alba Buonandi. Stesso discorso per Candida Sorrentino, già diciottenne scelta da Elisabetta Terabust nella compagnia di balletto del Teatro di San Carlo di Napoli. Oltre che all’English National Ballet e, in compagnia di Vladimir Derevianko, ospite al Teatro Bolschoi di Mosca. In questa occasione Candida Sorrentino sarà Anna Pavlova, primadonna del balletto del primissimo Novecento, icona ricordata soprattutto ne La morte del cigno di Mikail Fokine e musiche di Camille Sain-Saens. Infine l’Isadora Duncan di Ivana Riccio, ballerina televisiva con esperienze pluriennale per i palinsesti RAI e Mediaset nelle coreografie di Fabrizio Mainini, per le note trasmissioni Grande Fratello, Domenica In, Ieri Oggi e Domani, I Migliori Anni etc. Le altre due stelle chiamate in causa, per i doverosi festeggiamenti riservati ad Alba Buonandi, sono Vassela Vassilieva e Stoyan Fortunov, solisti dell’Opera di Stato di Rousse, seguiti dalla coreografa Silvia Tomova, per la messinscena dei due pas de deux del Romeo e Giulietta (Silvia Tomova, Piotr Ilich Ciaikovsky) e del Don Chisciotte (Marius Petipa, Ludwig Minkus) in una chiusura spettacolare all’insegna della grande danza. Come, del resto, da quaranta lunghe primavere a questa parte. Con i migliori auguri portare il Centro di Danza alle cinquanta candeline di danza e successi.