Galleria Borbonica, a spasso in 3D nel ventre di Napoli

84

Oltre 24mila foto e due anni per rendere la Galleria Borbonica di Napoli il primo sito storico sotterraneo al mondo riprodotto in 3D e accessibile virtualmente, in qualsiasi momento e da dovunque, attraverso pc, tablet e smartphone. Lo sviluppo del progetto e’ partito dal rilievo in 3D realizzato con metodologia laser scanner all’interno del percorso Standard della Galleria che comprende la visita del percorso sotterraneo voluto dal re Ferdinando II di Borbone e realizzato dall’architetto Errico Alvino. Attraversando antiche cisterne seicentesche degli acquedotti della Bolla, trasformati successivamente in rifugi antiaerei durante la seconda guerra mondiale, si puo’ compiere un vero e proprio viaggio nel tempo. Il visitatore virtuale, munito di torcia, puo’ attraversare il percorso riprodotto in una versione tridimensionale realistica con l’ausilio di un’audioguida e contenuti interattivi che gli permetteranno di scoprire tracce di epoche lontane che si sono come sedimentate nel sottosuolo della citta’ di Napoli, in un groviglio inestricabile di storia e leggende. L’accesso virtuale tridimensionale alla Galleria Borbonica prevede un ticket di 3 euro, ha una durata di sette giorni, e consentira’ di finanziare le campagne di scavo condotte dai volontari della Galleria, attualmente ancora in corso, nonche’ lo sviluppo di futuri progetti per 3D Voyager. Il percorso virtuale sara’ presentato domani in anteprima alla Borsa Mediterranea del Turismo in programma alla Mostra d’Oltremare di Napoli, da domani, venerdi’ 23 marzo, a domenica 25.