Garanzia Giovani, via alla fase 2: approvate in Campania misure per oltre 200 mln

414

La Giunta regionale ha approvato oggi il Nuovo Piano attuativo di Garanzia Giovani, che assegna alla Regione Campania ben 221.767.282 milioni di euro per l’attuazione delle Misure della Nuova Fase. Dopo il successo registrato in soli 2 anni nella Fase1, con circa 36 mila tirocini, 13 mila giovani formati, circa 30 mila assunzioni, con la nascita di oltre 450 piccole aziende, grazie anche ad una efficiente e virtuosa attività di rendicontazione e certificazione della spesa, la dotazione finanziaria campana è passata dai 190 milioni del 2014 ai circa 222 milioni per il biennio 2018/2020.

La nuova programmazione offrirà un insieme di misure innovative volte alla valorizzazione delle capacità dei giovani Neet (cioè giovani che non studiano e non lavorano), nonché all’inserimento occupazionale e allo sviluppo dello spirito imprenditoriale.

Uno spazio particolare tra gli interventi sarà dedicato al raccordo con la misura nazionale di contrasto alla povertà (Rei), che attraverso percorsi mirati, contribuirà ad accompagnare i processi di riqualificazione e reinserimento dei giovani Neet.

Indirizzo strategico prioritario della governance del Programma è permettere a ciascun giovane campano tra i 15 ed i 29 anni, iscritto a Garanzia Giovani, di esprimere al meglio il proprio potenziale, trovando nella Nostra Regione le migliori opportunità di formazione e lavoro.

Per l’assessore alla formazione Chiara Marciani “il piano approvato oggi prevede una serie di misure importanti ed innovative per i giovani della Nostra Regione utili a formarli adeguatamente sulla base delle esigenze delle imprese della nostra Regione”

“Il provvedimento approvato oggi – dice l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri- si inquadra in un rilancio straordinario dell’intera infrastruttura dei Servizi per il lavoro, che in sinergia tra attori pubblici e privati, costituiscono l’asse portante di uno sviluppo complessivo delle politiche attive per l’occupazione. Stiamo continuando – conclude Palmeri- nell’opera di rafforzamento dei centri per l’impiego, con uno stanziamento regionale di 16 milioni di euro per riqualificazione del personale e sviluppo reti informatiche. Moltiplicheremo sul territorio gli ‘Spazio Lavoro’, come già realizzato all’Interno dell’interporto di Nola, potenziando anche il collocamento mirato, per realizzare un mercato del lavoro equo, efficiente ed inclusivo”.