Gasdotto Salento, blitz notturno con le ruspe: rimossi ultimi ulivi

28

Lecce, 27 apr. (Adnkronos) – Nella notte uno schieramento imponente delle forze dell’ordine, dopo la rimozione mediante ruspe di alcuni blocchi e barricate realizzati nei giorni e nelle settimane scorsi con pietre e altri oggetti di fortuna nella zona del cantiere del gasdotto della Tap a San Foca di Melendugno, in provincia di Lecce, ha consentito la rimozione di otto alberi di ulivo già zollati che sono stati spostati in un’altra area, attigua a quella in cui si trovavano.

I manifestanti che contestano l’opera e che avevano mantenuto il presidio hanno urlato slogan contro l’azione a sorpresa, attuata anche con il supporto di ruspe, fotoelettriche e vigili del fuoco, ma non ci sono stati momenti di tensione. Gli alberi spostati di 300 metri a bordo di camion verranno messi a dimora in alcuni grossi vasi. Secondo i manifestanti in questo blitz è stato eradicato anche un albero di cui non era previsto lo spostamento.

Al momento la situazione nell’area del cantiere del cosiddetta microtunnel è tranquilla. Le operazioni di espianto e spostamento dei 211 ulivi complessivi sembrerebbero concluse.