Gasparri, alla Camera il “vaffa” del grillino (e disabile) Dall’Osso

48

Dopo la rivolta dei social contro le sue dichiarazioni sugli “handicappati”, con l’hashtag che richiede le sue dimissioni in classifica tra le tendenze twitter, Maurizio Gasparri si busca anche il “vaffa” del deputato grillino, Matteo dall’Osso, affetto da sclerosi multipla. “Io in quanto handicappato avrò le mie disabilità, ma le assicuro che sono capace di mandare Gasparri ‘affanculo’ ” ha affermato il deputato oggi durante una seduta a Montecitorio.

 

    “L’utilizzo, peraltro fuori dal tempo del termine handicappato come insulto, è deplorevole e schifoso per qualsiasi cittadino, figuriamoci per chi ha un ruolo pubblico” ha affermato il deputato che chiede un passo indietro del senatore azzurro: “Gasparri deve dimettersi dall’alta carica che ricopre e, direi, ritirarsi per sempre dalla politica”.

    Il senatore, intanto, si è nuovamente scusato per la sua battuta infelice “Questo è il Family Day, non è l’handicappato day”) dopo essere stato invitato a farlo dalla senatrice M5s Laura Bignami in apertura della seduta del Senato sulle unioni civili.
   

Dopo la rivolta dei social contro le sue dichiarazioni sugli “handicappati”, con l’hashtag che richiede le sue dimissioni in classifica tra le tendenze twitter, Maurizio Gasparri si busca anche il “vaffa” del deputato grillino, Matteo dall’Osso, affetto da sclerosi multipla. “Io in quanto handicappato avrò le mie disabilità, ma le assicuro che sono capace di mandare Gasparri ‘affanculo’ ” ha affermato il deputato oggi durante una seduta a Montecitorio.

 

    “L’utilizzo, peraltro fuori dal tempo del termine handicappato come insulto, è deplorevole e schifoso per qualsiasi cittadino, figuriamoci per chi ha un ruolo pubblico” ha affermato il deputato che chiede un passo indietro del senatore azzurro: “Gasparri deve dimettersi dall’alta carica che ricopre e, direi, ritirarsi per sempre dalla politica”.

    Il senatore, intanto, si è nuovamente scusato per la sua battuta infelice “Questo è il Family Day, non è l’handicappato day”) dopo essere stato invitato a farlo dalla senatrice M5s Laura Bignami in apertura della seduta del Senato sulle unioni civili.