Gastronomia, a Stoccolma e Hong Kong le prime 6 pizzerie certificate dal marchio Ospitalità Italiana

49
(foto da Pixabay)

Sono a Stoccolma e a Hong Kong le prime 6 pizzerie italiane nel mondo certificate dal marchio di qualità Ospitalità Italiana nel mondo, il riconoscimento organizzato e promosso da Unioncamere-Isnart (Istituto Nazionale di Ricerche Turistiche) per la salvaguardia e la valorizzazione del Made in Italy nel mondo, esteso, da quest’anno, anche alle pizzerie. Il progetto Ospitalità Italiana nel mondo è nato negli anni ’90 per identificare e valorizzare le strutture ristorative e turistiche nazionali che hanno posto a fondamento della propria attività la qualità del servizio e la tutela dell’autentico Made in Italy. Nel 2009 il progetto ha assunto una dimensione internazionale ampliando il suo raggio d’azione alla diffusione e tutela del vero made in Italy nel settore ristorativo, rivolgendosi prima alla ristorazione e alla gelateria artigianale e ora anche alle pizzerie. Cinque delle pizzerie premiate si trovano a Stoccolma, La Piazza Eataly, Capri Due Bakficka, Meno Male, Primo Ciao Ciao e Magari, e una a Hong Kong, PALA HK, tutte le candidature sono state proposte dalle rispettive Camere di commercio italiane all’estero. In lista d’attesa per la disamina dei requisiti ci sono pizzerie italiane in Brasile (Belo Horizonte), USA (Chicago), Corea del Sud (Seoul e Goyang) e Svizzera (Zurigo e Ginevra), a dimostrazione del forte interesse che l’iniziativa sta riscuotendo nelle comunità degli imprenditori italiani all’estero.